Giucca


Jelinek Karl

Un giorno la mamma disse a Giucca:
- I' avrei da vendere questo panno, ma tu me ne farai delle solite.
- No mamma: vedrete che fo bene. Ditemi quanto vu' ne volete, e poi vu' vedrete.
- Dieci scudi, e bada a darlo a uno che discorra poco.

Giucca prese il panno e andiede via.
Trova un contadino.
- Giucca, vo' vender codesto panno? quanto tu ne vuoi.
-  Dieci scudi ".
- No! l' troppo, l' troppo! .
- O sentite che s'ha da fare: io 'un ve lo vo' pi dare, perch vu' discorrete troppo".
- O che vo' tu vendere la roba senza che 'un si dicaniente?
- Oh! 'un ve la vo' dare.

Giucca allora andiede via. Quando ebbe camminato un altro poco, trov una statua di gesso.
- Oh quella donna, volete comprare il panno?

E quella stava zitta.
Dice Giucca:
- Questo proprio un affare per me! La mi ha detto la mamma, che lo dia a uno che 'un discorra; meglio che questa! Oh quella donna! io ne voglio dieci scudi (e gnene gitta); domani vengo a prenderli ".

Sicch, tutto contento, andiede a casa. Per la strada:
- Oh! io ho fatto un bell'affare! 'un mi ha detto neppure una parola quella; la mamma sar proprio contenta! - E va a casa.

Dice la mamma:
-  Giucca, l'hai venduto il panno?
- S; mi hanno detto che vada a prendere domani i quattrini
.
- Ma dimmi: l'hai dato a persona sicura?
- Lo credo. E l' una bona donnina, credete!


Lasciamo Giucca, e andiamo a questa statua, che l'era il ripostiglio de' ladri.
La sera i ladri andiedero con i denari per riporveli.
- Guarda! hanno lasciato questo panno; lo prendiamo noi. - Ripongono i quattrini, e portano via il panno.

Ritorniamo a Giucca.
La mattina si alza:
-  Mamma, vo' a prendere quei quattrini.
- S, fa' presto, e bada che te li dieno tutti.

Giucca va da questa statua:
- Oh, maestra,' son venuto a prendere quella roba!
E lei zitta.
- Oh date retta: 'un dev'essere come ieri, oggi vo' i quattrini io. Io veggo che il panno vu' ve ne siete servita. 0 datemi i quattrini, o la tela!.


Prende un sasso, e comincia a darle le sassate. Allora la statua si rompiede, e cominci a cascare tutti i quattrini, Lui tutto contento prende questi quattrini, e va a casa.
- Guardate, mamma, quanti quattrini vi ho portato! Ve l'avevo detto che era una donnina perbenino. Prima 'un me li voleva dare, ma poi gli ho dato tante sassate, e mi ha dato tutti questi ".
- Ma dimmi, Giucca, icch t'hai fatto? ".
- Gua', 'un la conoscete quella cosa che sta l ritta ritta che l' tanto tempo? ".
- Oh birbone! icch t'hai fatto?... Gua', con tutti questi quattrini, meglio che ti dia moglie

 

 

www.colapisci.it