Etnaland

Colapesce

Della leggenda di Colapesce esistono diverse versioni a volte anche molto differenti tra loro. Infatti Colapesce é un personaggio che appartiene un po' a tutta la Sicilia costiera ed é fatale che nel corso del tempo ci siano stati rimaneggiamenti, variazioni e apporti locali.
Nicola (Cola) é un giovane amante del mare che per lui diventa il suo elemento naturale e ove si muove come un pesce. Da qui il soprannome di "Colapesce". La fama della sua bravura viene all'orecchio del re che, incuriosito o forse pensando di poter utilizzare il giovane per qualche impresa, lo convoca. L'incontro avviene nelle acque antistanti  Messina (Colapesce ormai vive costantemente in acqua). Il re sottopone Colapesce a prove sempre più difficili. Butta in mare la preziosa corona e gli chiede di ripescarla, gli chiede di quali misteriose creature vivono negli abissi e quanto é profondo il mare. Dopo una di queste immersioni Colapesce riemerge spaventato. Racconta al re di aver visto che la Sicilia poggia su tre colonne, una a capo Passero, una a capo Lilibeo e una a capo Peloro, proprio sotto Messina, e per di più questa colonna é incrinata e potrebbe crollare da un momento all'altro. Il re gli chiede di andare a controllare meglio, ma la profondità é eccessiva e Colapesce é stanco.

Chiede allora un pugno di lenticchie da portare con sé. Se le lenticchie torneranno a galla vorrà dire che Colapesce é morto.

Colapesce si immerge e dopo qualche tempo riemergono le lenticchie. Grande é lo sconforto per la morte di Colapesce e per il destino della città. Secondo la leggenda Colapesce non é morto, ma, avendo visto che la colonna incrinata stava cedendo, si é sostituito ad essa ed é ancora lì a sostenere Messina e la Sicilia intera.

 

Non più presente in ETNALAND