www.colapisci.it L'uomo che diventa pesce per necessitā o per sceltaWalter Ignazio Preitano

 Chissā quanti di questi dialoghi si sono svolti nel segreto dell’ufficio di un dirigente, di un direttore, di un primario! I guasti li vediamo dopo, e sono sotto gli occhi di tutti.

 

‘U postu

 

Torre Faro - Messina

 

- Allura: tu cû sî, cû ti mannāu?

- Sugnu Turiddu Pinna, mi spiegāi?

‘U fėgghiu chi mę patri ci parrāu.

- E comu sta ‘ddu santu ‘i don Nināi?

 

- E’ sempri c’a scuzzčtta ‘mpiccicāta

e ‘a genti si scummōgghia ‘nto passāri.

Don Ninu Pinna ci manna ‘sta ‘mbasciāta:

mi vidi comu m’havi a sistimāri.

 

- Dumāni c’a matėna, all’ura giųsta

pigghi sevvėziu senza dulliāri.

A don Nināi ci’hâ diri chi m’abbāsta

menza parōla: ti nni pôi annāri.

 

- Mumčntu principāli, non currėssi:

ccā si travāgghia a cuntu di lu Statu;

d’a sô sacchčtta non ci metti tassi.

Annųnca mi nni vāiu cuntrariātu.

 

- Chi ‘ntenni diri? Chi mi vôi cuntāri?

Ti desi ‘u postu? Ora č cosa toi.

- Ma lei non muntuāssi ‘u travagghiāri:

o voli fari tortu a don Nināi?.

 


 

Il posto

 

Friuli

 

- Allora, tu chi sei? Chi ti ha mandato?.

- Sono Turiddu Pinna: mi sono spiegato? Il figlio di cui le ha parlato mio padre.

-E come sta quel sant’uomo di don Ninai?.

- Lui tiene sempre la coppola in testa, mentre la gente si scopre al suo passaggio. Don Ninu Pinna le manda questa ambasciata: veda lei come mi deve sistemare.

- Domani mattina, all’ora giusta, prendi servizio, senza perdere tempo. A don Nināi puoi riferire che a me basta mezza parola; ora te ne puoi andare.

- Un momento, principale, non abbia fretta: qui si lavora per conto dello Stato; lei di tasca sua non ci mette niente. Non vorrā che io me ne vada contrariato?.

- Che intendi dire? Che cosa mi stai raccontando? Ti ho dato il posto? Adesso il problema č tuo.

- Ma lei non parli di lavoro: oppure vuol fare torto a don Nināi?.

 

Walter  Ignazio Preitano

 

 

Sommario Altri Amici

www.colapisci.it