www.colapisci.it L'uomo che diventa pesce per necessità o per sceltaWalter Ignazio Preitano

Strincimi fotti tu

 

 

Non sentu òdiu e non hàiu rancùri:

‘dda nuccintedda chi mi fici tortu

sunàva ‘a campanèdda dill’amùri,

senza sapìri chi sunàva a mortu;

 

vitti malati di ‘sta malatìa,

chi senza curpa foru nnigghiatùri

di sangu ‘ntossicàtu chi scurrìa

d’incòddu all’ànciuli succurritùri;

 

ma puru piccirìddi lazzariàti,

picchì ‘nto giocu non si vadda nenti,

stricàri ch’i cumpagni accaluràti:

piccìtti chi d’a morti sû mittenti!

 

Chista non è ‘nfruènza di staggiùni!

‘Na gòccia di ‘stu sangu bastirìa

quantu ‘na guerra fa a paragùni:

semu la morti, morti chi firrìa!

 

Si di la carità semu ciccàti,

di carità n’avèmu a cuntintàri;

‘sta carità non regna strati strati,

è carità di ànciuli ‘ncarnàti. 

 

S’u munnu allura si chiudìu li brazza

non mi cunvìnciu chi ci’hâ dari tortu;

sulu ‘u tô cori ridùttu pezza pezza

a ‘sta svintùra mei desi cunfortu.

 

Grazie mammùzza pi chiddu chi mi dasti,

pi chiddu chi mi dugni e mi darài;

strìncimi fotti tu chi mi facìsti,

strìncimi fotti tu, mammùzza mei.

 

Varda chi luci, è tuttu ‘nu splinnùri;

‘u celu è chiàru e ‘u suli si pusàu

supra ê capìddi toi iànchi ‘i dulùri,

‘a maggherìta ora spampanàu.

 

‘U gessumìnu già nni voli cuntu

e si nnittàru ‘i pètali d’a rosa;

pi tia si ruspigghiàu ‘stu fimmamèntu,

chì ‘sta vicènna mei fu poca cosa!

 


Non sento odio e non ho rancori: quella piccola innocente che mi ha fatto torto suonava la campanella dell’amore, senza sapere che la suonava a morto; ho visto ammalati di questa malattia che pur senza averne  colpa sono stati untori con il loro sangue verso i loro caritatevoli soccorritori; ma anche dei bimbi (sieropositivi) che si erano procurate delle escoriazioni, perché nel gioco a queste cose non si bada, venire nella foga a contatto con i loro compagni: bambini che sono mittenti di morte.

Questa non è influenza di stagione! Una goccia di questo sangue sarebbe sufficiente a fare ciò che a paragone potrebbe fare una guerra: siamo la morte, la morte che vaga.

Se il mondo allora mi ha scaricato, non sono convinto di dovergli dare torto; solo il tuo cuore, ridotto in briciole, a questa mia sventura ha dato conforto.

Grazie mammina per ciò che mi hai dato, per ciò che mi dai e per ciò che mi darai; stringimi forte tu che mi hai generato, stringimi forte tu, mammina mia.

Guarda che luce, è tutto uno splendore; il cielo è chiaro e il sole si è posato sui tuoi capelli bianchi di dolore, la margherita ora è sbocciata.

Il gelsomino già impone il suo profumo, e i petali della rosa si sono ripuliti; per te si è risvegliato questo firmamento, perché questa mia vicenda è stata una cosa di poco conto!

 

 

Walter  Ignazio Preitano

 

Sommario Altri Amici

www.colapisci.it