www.colapisci.it L'uomo che diventa pesce per necessità o per sceltaWalter Ignazio Preitano

Strincimi

 

 

- Strìncimi, fammi sèntiri dulùri!

Dintra di mia si fici scuru fittu;

tant’anni pi ti fari vincitùri

un ghiòrnu pi ti vìdiri scunfittu.

 

Varda, ‘u malutempu sta  ‘ncagnannu,

‘i rosi sunnu tutti pizzuliàti,

‘i gessumìni odùri non nni fannu

‘i maggherìti sunnu ‘mbuttunàti.

 

Scinnìu ‘a notti supra di ‘st’agnùni,

‘u suli non ci’a fici e si giuccàu;

‘i nuvulàzzi àppiru raggiùni

e ‘u celu a menziòrnu si scuràu.

 

Tu mi ‘ccarìzzi fìgghiu sfuttunàtu,

ma ‘sta manuzza toi ch’havi a pisàri?

E’ umbra, cchiù liggèra d’u mê  ciàtu,

umbra chi ‘nta ‘stu scuru mancu pari.

 

Ti desi di la minna la sustanza,

‘u mègghiu chi di mia potti truvàri,

ti priparài p’aviri ‘na spiranza,

contru a ‘nu munnu chi non sapi dari.

 

Ti cunsulài pi non ti dari accòru,

ti desi tuttu ‘u cori  senza scunti,

di la tô vita mi pigghiài l’amàru

picchì l’amùri è tantu oppùru nenti.

 

Srìncimi, fammi sèntiri dulùri,

figghìttu mei chi non avìsti sorti;

sfòga supra di mia ‘u tô rancùri

ch’u cori di ‘na matri è sempri forti.

 

Munnu, chi nni facìsti dill’amùri?

‘U ‘ntossicàsti e siminàsti morti.

chi si cugghìu ‘u mègghiu di li ciùri:

malu viddànu sî di la tô sorti!

 

‘A terra chi scigghìsti è ginirùsa,

è terra rassa, terra travagghiàta,

si chiama giuvintù, terra priziùsa,

terra da ogni matri ‘mbiviràta.

 

O munnu scialaràtu e senza testa

ch’aùnni mmesti porti la svintùra!

Puru l’amùri, ciràsa d’ogni festa,

piccàtu addivintàu contra natùra -.

 

 


 

Stringimi

 

Sicilia

 

- Stringimi forte, fammi sentire dolore! Dentro di me si è fatto buio fitto; tanti anni per fare di te un vincitore, un giorno solo per vederti sconfitto.

Guarda, il maltempo infuria, le rose sono tutte picchiettate, i gelsomini non fanno più odore, le margherite sono chiuse nei loro boccioli.

E’ scesa la notte su quest’angolo di mondo, il sole non ce l’ha fatta e si è arreso; le nuvole nere hanno avuto ragione e a mezzogiorno il cielo si è rabbuiato.

Tu mi accarezzi, figlio sfortunato, ma questa tua manina che peso può avere? E’ ombra, più leggera del mio alito, ombra che in questo buio non si vede neanche.

Della mia mammella ti ho dato la sostanza, il meglio che dentro di me ho potuto trovare; ti ho preparato perché tu avessi una speranza,

in un mondo che non è più in grado di dare.

Ti ho consolato per non farti accorare, ti ho dato tutto il mio cuore senza fare sconti, mi sono presa l’amaro della tua vita, perché l’amore è tanto oppure è niente.

Stringimi forte, fammi sentire dolore, figlio mio che non hai avuto buona sorte; sfoga su di me il tuo rancore, perché il cuore di una madre è sempre forte.

Mondo, cosa ne hai fatto dell’amore? Lo hai avvelenato e hai seminato la morte che si è accaparrata i fiori migliori.

La terra che hai scelto è fertile, è terra grassa, terra lavorata; si chiama gioventù, terra preziosa, terra abbeverata da ogni madre.

O mondo scellerato e senza criterio che dove ti metti porti la sventura! Pure l’amore che è la “ciliegina” di ogni festa, è diventato un peccato contro natura

 

 

Walter  Ignazio Preitano
 


 

Sommario Altri Amici

www.colapisci.it