www.colapisci.it L'uomo che diventa pesce per necessità o per sceltaWalter Ignazio Preitano

Anche gli astri, tradizionali dispensatori di salute ed emozioni, prendono amaramente atto del degrado del mondo.

 

Pi distinu fazzu luci

      

 

Ci dumannàu ‘u suli a sô cucìna:

- Luna, comu ti la passàsti la nuttàta?

Quannu mi isu iò cu la matìna

portu sulu travàgghiu e faticàta.

- L’amùri oggi è senza tinirìzzi; -

ci rispunnìu ‘a luna scuraggiàta

- l’omu non cerca cchiù ‘i mê carìzzi

pi fassi beddu cu la nnamuràta.

- Peccàtu, Luna, chi tuttu si riddùci!

Cchiù tempu passa e cchiù piddèmu fozza!

- Infatti pi distìnu fazzu luci,

ma illùminu catàsti  di mmunnìzza!.

   


 

Per  destino faccio luce

 

 

Chiese il sole a sua cugina: - Luna, come hai trascorso la nottata? Quando mi sveglio io, la mattina, porto solo lavoro e fatica.


- L’amore oggi è senza tenerezze;
- gli rispose la luna scoraggiata – l’uomo non cerca più le mie carezze per farsi bello con l’innamorata.
 

- Peccato Luna che tutto perde valore! Più tempo passa e più cala l’interesse per noi!.
 

-Infatti per destino sono costretta a fare luce, ma ormai illumino soltanto cataste di spazzatura!.

 

 

Walter  Ignazio Preitano

 

Sommario Altri Amici

www.colapisci.it