www.colapisci.it L'uomo che diventa pesce per necessità o per sceltaWalter Ignazio Preitano

Un fenomeno sempre più frequente. Che dire ad un figlio confuso che si confida? Questa poesia vuole essere soltanto  un punto di vista. Sarei curioso di conoscere il vostro.

 

L'amuri chi non gìgghia

    

 

­ Mamma, cu tia pozzu parràri:

non sentu pi la fìmmina trasportu;

si penzu alla staggiùni dill’amùri,

Sabbaturèddu nesci a lu scopertu.

 

Eppùru sugnu màsculu di fora!

Chi mi succèdi, mamma, ‘nta ‘sta testa?

Dintra a lu spècchiu fazzu ‘a mê figùra,

ma a li biddìzzi mei non fazzu festa.

 

Sentu chi ci fu sbàgghiu in paradisu,

e mi mmiddàru in coddu ‘nu strumentu

chi non m’attòcca e mi fa sulu pisu,

picchì non currispùnni ô sentimentu.

 

Magari c’è ‘na fìmmina, nuccenti,

chi si dispera e chiànci comu a mia.

Putìssimu scanciàri li strumenti

e ritruvàri ‘a paci e l’armunìa!

 

- Figghiùzzu, non ti cuntu ‘u mê dulùri,

chì dulurùsu è ‘u tô distìnu e amàru.

Non ci fu sbàgghiu ‘nta casa d’u Signuri:

chiddu chi t’attuccàva ti mmiddàru.

 

Non basta ‘ssu strumentu naturàli

p’addivintàri bonu sunatùri,

comu a lu mari non ci basta ‘u sali

pi dàricci a li pisci lu sapùri!

Ma non ti llammicàri, fìgghiu ciàtu,

‘nto munnu trovi bona cumpagnìa,

chì ‘ssu strumentu oggi è pocu usàtu:

non fa cchiù parti di la meludìa.

 

Si ‘stu Sabbaturèddu d’a tô vita

ti apri ‘u cori e svàpura la nìgghia,

curri figghiùzzu, ch’u tempu t’assicùta:

è sempri amùri, puru si non gìgghia!.

 


 

L’amore che non germoglia

 

 

-Mamma, con te posso parlare: non sento alcun trasporto verso la femmina; se penso alla stagione dell’amore, spunta fuori l’immagine di Salvatore.

Eppure sono maschio esteriormente! Che mi succede, mamma, in questa testa? Nello specchio faccio la mia figura, ma non faccio festa alle mie belle forme.

Ho la sensazione che ci sia stato un errore in paradiso, e che mi hanno attaccato uno strumento che non mi toccava e che mi fa solo peso, perchè non è consono al mio modo di sentire. Magari c’è una femmina, poverina, che si dispera e piange come me. Potessimo scambiarci gli strumenti e ritrovare così la pace e l’armonia!

- Figlio caro, non ti esterno il mio dolore, perchè già il tuo destino è doloroso e amaro: non c’è stato sbaglio nella casa del Signore, quello che ti toccava ti hanno attaccato.

Ma non basta questo strumento naturale per diventare un buon suonatore, come al mare non basta il sale per dare sapore al pesce!

Tuttavia non ti angustiare figlio caro, nel mondo trovi buona compagnia, perchè oggi questo strumento è poco usato: non fa più parte della melodia.

Se questo Salvatore della tua vita ti apre il cuore e dissolve la nebbia, corri, figlio mio, perchè il tempo ti insegue: si tratta pur sempre di amore, anche se non germoglierà mai.

 

 

Walter  Ignazio Preitano

 

 

Sommario Altri Amici

www.colapisci.it