www.colapisci.it L'uomo che diventa pesce per necessitÓ o per sceltaWalter Ignazio Preitano

Eĺ il male pi¨ terribile di questo secolo, ma non ci sono nÚ leggi nÚ paternali che possano limitarne i guasti. Sono fermamente convinto che la famiglia, cioŔ lĺamore, sia lĺunico deterrente possibile.

Racconto a mia madre il nostro dramma sperando in un suggerimento.

 

Di droga ti parru

 

Sicily

  

Di droga ti parru picchý semu stanchi:

'i gi¨vini d'oggi si fannu 'nte banchi!

E' p¨bbiri ianca, si chiama eroýna

si squÓgghia c'u focu e si spara 'nta vina.

 

Ci dugna 'na sorta di stranu piacýri:

'i pýgghia p'a manu e ci 'nzigna a vulÓri;

'i fa svulazzÓri comu a 'na f˛gghia

ch'u ventu d'aut¨nnu 'ntall'Ória cat¨gghia.

 

E' comu 'na fýmmina di rari biddýzzi:

s'i bÓcia, s'i strinci, ci fa li carýzzi;

ci dici par˛li d'am¨ri matŔrnu,

ci dugna 'dda paci chi vannu pirdŔnnu;

 

ci lýbbira 'a frunti di tutti 'i pinzŔri,

ci 'mmustra serŔni li iorna cchi¨ niri.

E' in¨tili all¨ra chi dici - fa mali! -

di fronti ˘ piacýri sű sulu par˛li!

 

Ci vonnu argomŔnti cchi¨ veri, cchi¨ forti,

l'am¨ri ci voli, opp¨ru Ŕ la morti.

'A droga Ŕ 'na bŔstia senza rispŔttu,

si mmoddi la presa t'u scippa d'u pettu:

 

t'u pýgghia, s'u pasci, ci dugna cunf˛rtu,

ci porgi lu mŔgghiu ci leva lu scartu;

e mentri 'u  'ccarýzza ci cÓncia la vita,

e divŔntunu schiÓvi 'i 'sta p¨bbiri antýca.

 

E dopu 'na pocu non c'Ŕ cchi¨ piacýri,

c'Ŕ sulu la dosi chi s'havi a truvÓri;

ann¨nca Ŕ dul¨ri, un veru tormŔntu:

non výdunu l'ura ch'arrýva 'u mumŔntu!

 

'A droga si trova, 'a spÓcciunu in tanti,

abbÓstunu sulu dinÓri contÓnti!

Si spinna la casa, si rrobba 'nte strati,

si svinni l'am¨ri e la dignitÓti.

 

E quannu pagÓri diventa pagghi¨su,

o spÓcciunu 'a droga o nenti purt¨su.

Cosý addivŔntunu l'umbra d'a morti:

distýnu com¨ni, com¨ni la sorti.

 

E poi finalmŔnti 'nto'n ghi˛rnu felýci,

arrýva la dosi chi dugna la paci.

- E all¨ra facýtilu 'st'attu d'am¨ri:

tinýtili stritti, spannýti cal¨ri,

picchý puru 'a vita chi dugna 'u Sign¨ri

Ŕ sempri e com¨nqui un attu d'am¨ri! -

 

Matri! ParrÓsti!

Chi belli par˛li!

Puru ddass¨pra

Ĺu cori vi doli !

 


 

Di droga ti parlo

 

 

Voglio parlarti di droga perchŔ siamo stanchi; i giovani di oggi si "fanno" persino tra i banchi della scuola. Si tratta di una polvere bianca che si chiama eroina: si scioglie con il fuoco e si inietta in vena.

Gli procura una sorta di strano piacere; li prende per mano e gli insegna a volare. Li fa svolazzare nell'aria come una foglia solleticata dal vento d'autunno. 

E'  come  una  femmina di rara bellezza: se li bacia, se li accarezza e se li stringe al petto.

Gli sussurra parole d'amore materno e gli dÓ quella pace che vanno perdendo; gli libera la fronte da tutti i pensieri e gli mostra sereni i giorni pi¨ neri.

E'  inutile allora che si dica "fa male!", perchŔ di fronte  al piacere son solo parole.

Ci vogliono argomenti pi¨ concreti, pi¨ forti: ci vuole l'amore altrimenti Ŕ la morte.

La droga Ŕ una bestia senza rispetto, se molli la presa te lo strappa dal petto: lo prende, lo cura, gli dÓ conforto, gli mostra il meglio  della  vita, mondato dalle storture e dai patemi.

E mentre lo accarezza lo trasforma, e cosý diventano tutti schiavi di questa polvere antica.

Ma dopo qualche tempo non provano pi¨ piacere, cosý rimane solo la ricerca spasmodica della dose da iniettarsi; altrimenti Ŕ dolore, un vero tormento, e vivono solo in funzione di quel triste momento.

La droga si trova, la spacciano in tanti, e per averla servono solo denari contanti.

Ed ecco che si vuota la casa, si scippa per le strade, ci si prostituisce svendendo l'amore e la dignitÓ.

E  se tutto ci˛ non Ŕ sufficiente, allora bisogna spacciare per potersi bucare.

Cosý diventano l'ombra della morte, accomunati nello stesso destino.

Fino a quando, in un giorno felice, arriva la dose letale che gli dÓ la pace e li libera dall'ossessione.

- E allora fatelo quest'atto d'amore: teneteli stretti, avvolgeteli nel vostro calore, perchŔ anche la vita che concede il Signore Ŕ  sempre e  comunque  un  atto  d'amore -.

Mamma, hai parlato!

Che belle parole!

Anche lass¨

il cuore vi duole!

 

 

Walter  Ignazio Preitano

 

 

Sommario Altri Amici

www.colapisci.it