www.colapisci.it L'uomo che diventa pesce per necessità o per sceltaWalter Ignazio Preitano

 

Biata  giuvintù

 

Carnevale messinese

 

Biàta giuvintù? Ma quannu mai!

C’u dici si scuddàu la stòria soi,

quannu ‘i minchiàti nni parìunu guài

e ‘u munnu nni cadìa attornu a nui.

 

O tuttu o nenti! Non c’era la misùra:

un ghiòrnu niru e l’àutru splendenti.

Tra scuru e lustru fu ‘na gara dura!

Biàta giuvintù? Biàta nenti!

 

E’ ‘u ciàuru fitènti d’a vicchìzza

chi nni scummìna e chi nni fa sparràri:

a diciottanni ‘u munnu è ‘na schifezza

e a diciottanni non vurrìa turnàri. 

 

Biàta giuvintù? Lassàmu stari!

 

27-08-2001

 


 

Beata gioventù

 

Carnevale messinese

 

Beata gioventù? Ma quando mai! Chi lo dice ha dimenticato la sua storia, quando le sciocchezze ci sembravano grossi guai e ci facevano cadere il mondo addosso.

O tutto o niente, non c’era la misura: un giorno nero di disperazione e il successivo pieno di splendore. Tra il buio e la luce fu davvero una gara dura! Beata gioventù? Beata niente!

E’ l’odore fetido della vecchiaia che ci confonde e che ci fa sparlare: a diciotto anni il mondo è una vera schifezza, e a diciotto anni non vorrei tornare.

Beata gioventù? Lasciamo stare!

 

 

Walter  Ignazio Preitano

 

 

Sommario Altri Amici

www.colapisci.it