www.colapisci.it L'uomo che diventa pesce per necessitā o per sceltaWalter Ignazio Preitano

 ‘A paci

 

Sicily

 

E’ guerra! Ancōra guerra tra li genti!

E unni č guerra č morti senza scampu:

morti pi li surdāti e li nuccčnti,

morti sabbāggia, morti fora tempu.

 

Picchėstu chiānciu supra a li cardųni,

supra a la malačrba e a li rruvčtti,

unni lu sangu sāzia lu lapųni,

unni la ciāula caddacėa li morti.

 

Un ghiōrnu caminānnu pi ‘sta via

scuntrāi la Paci chi turnāva arrčti,

tristi comu la fōgghia chi cadėa,

e non tuccāva terra cu li peti.

 

Mi dissi:- Sugnu stanca di ‘mpuzzāri!

Cû voli Paci s’a trova ‘nta cuscčnza;

chisti non sunnu sciārri di cunzāri:

c’č sempri un diu chi tira pi ‘na menza.

Un Diu d’u celu o ‘u diu di li dināri,

e tutti dui guerričri intranzigenti;

chisti non sunnu sciārri di cunzāri:

fazzu la paci, ma non dura nenti -.

 

- Ora capėa picchė non tocchi terra:

‘nta ‘sti rruvčtti non ti voi spināri.

Si manchi puru tu unni c’č guerra,

non c’č cchių sangu chi si po’ stagnāri!.

 

Si vai ciccānnu sciārri di cunzāri,

si pi li sciārri fusti distināta,

tra cani e ghiātti glōria pôi truvāri:

ccā trovi sulu morti scunzacrāta!

 

Si li tô peti sunnu delicāti,

pāssimi in coddu, scappėcia li mę ossa,

ma non ti 'lluntanāri 'i 'sti cuntrati,

chi ccā l'amųri si scavāu la fossa -.

 


 

La pace

 

Sicily

 

E’ guerra! Ancora guerra tra i popoli! E dove c’č guerra c’č morte senza scampo: morte per i soldati e per i civili innocenti, morte selvaggia, morte anacronistica.

Per questo piango sopra i cardi, sopra alla malerba e sopra i rovi, dove il sangue sazia la vespa, dove la cornacchia martorizza i cadaveri.

Un giorno, camminando per questa strada, incontrai la Pace che tornava indietro triste come la foglia che cadeva, e non toccava terra con i piedi.

Mi disse:

- Sono stanca di subire! Chi vuole la Pace se la trovi nella coscienza; questi non sono banali litigi da ricomporre: c’č sempre un dio che tira da una parte.

Un Dio del cielo o il dio dei denari, e tutti e due guerrieri intransigenti; queste non sono banali litigi da ricomporre: faccio la pace, ma non dura niente.

- Ora ho capito perchč non tocchi terra: tra questi rovi non ti vuoi spinare. Se manchi pure tu dove c’č guerra, questo flusso di sangue non si potrā pių arrestare.

Se cerchi solo scaramucce da ricomporre, se a queste piccole cose sei stata destinata, allora puoi trovare gloria tra cani e gatti: qui trovi solo morte sconsacrata!

Se invece temi per i tuoi piedini delicati, passami addosso, pesta le mie ossa, ma non ti allontanare da questa terra, perché qui l'amore si č scavato la fossa.

 

 

Walter  Ignazio Preitano

 

 

 

Sommario Altri Amici

www.colapisci.it