www.colapisci.it L'uomo che diventa pesce per necessitÓ o per sceltaWalter Ignazio Preitano

Fare lĺelemosina Ŕ un atto generoso; ma siamo sicuri che quella moneta che facciamo cadere, quasi con indifferenza e sussiego, nel palmo di una mano, sia davvero e sempre quanto chi mendica ci chiede? Magari, chissÓ, si tratta di chi ha dovuto far buon viso a cattiva sorte, e che chiede soltanto amore e solidarietÓ. In fondo, non Ŕ ci˛ che chiediamo tutti noi, magari senza tendere la mano? Fermati, passante: spesso una parola fa pi¨ caritÓ di una moneta!

 

'A limosina

 

Sicly

 

'A manu tisa, 'a testa a npennul¨ni

pi non 'mmustrÓri 'u russu d'a vigg˛gna;

'nto cirivŔddu 'na sorta di cicr¨ni,

e dintra ˘ cori 'a morti nira arrŔgna.

 

Ma 'ddu ferru ch'Ŕ friddu pi nat¨ra,

divŔnta focu e signa la cundÓnna;

'a dignitÓ s'amm¨ccia 'nta sud¨ra

e svÓpura fuiŔnnu a 'n'Óutra banna.

All˛nghi centu liri  e non dumÓnni,

e t'arrip˛si cu la t˘ cuscŔnza;

magÓri pi scacciÓri li malÓnni

invŔci di prighiŔra e pinitŔnza.

 

Chi curpa nn'hai, passÓnti ginir¨su!

C'era 'na manu tisa chi spittÓva!

Ma fossi fusti un pocu furi¨su:

era la prima vota chi circÓva!

 

PassÓnti semu tutti pi distýnu,

limosinÓnti senza manu tisa;

circÓmu caritÓ pi lu camýnu,

e solidarietÓ ch'Ŕ prizi¨sa;

 

Fossi, cű t'all˛nga 'a manu,

ti fa signÓli chi esýsti anc˛ra.

Non c¨rriri passÓnti! Pari stranu:

spissu cchi¨ caritÓ fa 'na pal˛ra!

 


 

elemosina

 

Sicily

 

La mano tesa, la testa penzoloni, per non mostrare il rosso della vergogna; nel cervello una sorta di tempesta e nel cuore la morte pi¨ nera.

Ma quel ferro che Ŕ freddo per sua natura, diventa fuoco nel palmo di quella mano, ed Ŕ l'inizio di una condanna senza fine; la dignitÓ dell'uomo  si  nasconde in  mezzo  al sudore ed evapora fuggendo via.

Allunghi cento lire senza chiedere nulla e senza curarti di chi  stia al di lÓ dalla stessa mano, e metti pace nella tua coscienza; magari per scacciare la malasorte, invece di pregare e fare penitenza.

Che colpa ne hai, passante generoso! C'era una mano tesa che aspettava il tuo gesto! Ma forse sei stato un po' troppo frettoloso: infatti era la prima volta che quell'uomo tendeva la mano.

Siamo tutti passanti per destino, ed elemosinanti anche se non tendiamo la mano; cerchiamo tutti caritÓ nel nostro cammino, e solidarietÓ che Ŕ la cosa pi¨ preziosa e di cui nessuno pu˛ fare a meno.

Forse chi ti allunga una mano, vuol solo attirare la tua attenzione per segnalarti che esiste ancora; non correre passante, ti sembrerÓ strano, ma spesso pi¨ caritÓ fa una parola!

 

 

Walter  Ignazio Preitano

 

 

Sommario Altri Amici

www.colapisci.it