I Pesci dei Mari d'Italia
 

Classe: Actinopterygii

CAPONE
UBRIACO

Ord. SCORPAENIFORMES

Fam. Triglidae

Gen. Chelidonichthys


Foto di Francesco Turano


Foto a cura di Samuel P. Iglésias in  www.mnhn.fr/iccanam

Trigloporus lastoviza   (Bonnaterre, 1788)

Ha corpo snello, di sezione quasi circolare, che si rastrema dalla testa verso il peduncolo caudale. Il corpo, tranne la zona ventrale, è coperto da squame seminascoste dalla pelle. La linea laterale, a partire dall'opercolo, segue il profilo dorsale e su di essa vi sono 62-67 squame dotate di piccole spine. La testa è corazzata da placche ossee e il profilo del muso è ripido e poco incavato. L'occhio è relativamente piccolo e situato in alto.  Il margine superiore dell'orbita è dotato di 3 spinette. La narice anteriore è un piccolo foro e quella posteriore è una fessura.
La bocca è orizzontale e non molto grande. I denti sono villiformi e si trovano sui mascellari e sul vomere.
Le due pinne dorsali, sono alloggiate in un solco longitudinale e lungo i suoi bordi vi è una serie di 25 scudetti, appuntiti nei giovani  e smussati e granulosi negli adulti. La prima pinna ha forma triangolare, con 9-11 raggi spinosi, che dal secondo al sesto sono lunghi, mentre i successivi hanno un rapido degrado dell'altezza. La seconda dorsale è estesa e si origina dopo un brevissimo spazio dalla prima; ha 16-17 raggi molli di altezza quasi costante. L'anale (15-16 raggi molli) è opposta e quasi uguale alla seconda dorsale. La caudale ha 12 raggi ed è spatolata con margine posteriore leggermente incavato al centro. Le pettorali (13 raggi) sono ampie e gli ultimi 3 raggi sono liberi, allungati e articolati. Le ventrali hanno 1 raggio spinoso e 5 molli, sono ampie, ma  più corte delle pettorali.
 

La colorazione della parte superiore del corpo, della coda e della testa, è rosso carminio che sfuma rapidamente nei fianchi e sul ventre al bianco. Le dorsali sono rossastre con macchie irregolari oblique.
L'anale è
rossa alla base e bianco giallastra al margine esterno. Le
pettorali sono violacee, con raggi biancastri e macchie azzurro-cobalto negli spazi interradiali, più evidenti nella faccia inferiore; la faccia superiore superiore è rosso mattone con macchie scure; i raggi liberi sono rossi con strisce trasversali scure.  L'iride è bianca con riflessi azzurrognoli.
E' una specie bentonica che frequenta fondali (mai oltre i 100 m) di fango e sabbia. Frequentemente si trova intorno ai 20 m. La riproduzione è in estate e le uova sono piccole e pelagiche. Si nutre di crostacei. Si cattura reti a strascico e con tramagli nelle zone sabbiose e fangose; occasionalmente abbocca alle lenze. Arriva al massimo a 35-40 cm di lunghezza.
Nei
mari italiani è abbondante in Adriatico.


Foto di Roberto Pillon

Nomi dialettali

GENOVA

Rubin imbriaego.

IMPERIA

Brigotto.

VIAREGGIO

Ubriacone, Gallinella, Capocchione, Caviglia organo.

LIVORNO

Brialbo, Gallinella, Garagolo.

TRIESTE

Luzerna, Muso duro.

ROMA

Pesce cappone.

NAPOLI

Saciccio, Ballerina.

ANCONA

Mazzolina, Mngioletto rosso.

PESCARA

Angelettine, Angelettelle, Cuccià

VENEZIA

Anzoletto, Musoduro.

ORTONA

Angiulettine.

CORSICA

Mulinaru, Gallinella.

BARI

Gapuane.

TARANTO

Gallinedda.

MANFREDONIA

Teste.

REGGIO CALABRIA

Capuni.

CATANIA

Tirrinchiuni di petri.

MESSINA

Cocciu, Cocchinu

PALERMO

Cocciu,Turrarici.

SIRACUSA

Pesce papa.

VASTO

Muzzelone, Muzzelane.

Scorpaeniformes
Scorpaeniformes