I Pesci dei Mari d'Italia
 

Classe: Actinopterygii

RANA PESCATRICE
Rospo

Ord. Lophiiformes

Fam. Lophiidae

Gen. Lophius

Lophius piscatorius - Rana pescatrice - Foto Francesco Turano
Foto di Francesco Turano

Lophius piscatorius  LINNEO, 1758

Ha corpo caratterizzato da una testa molto ampia, con un'enorme bocca semi circolare.  La mascella superiore è protrattile, che in condizioni di riposo si incastra nell'arco di quella inferiore, la quale è prominente. I denti sono robusti, conici acuminati e cardiformi, di diversa grandezza. All'interno della mascella inferiore e posteriormente alla serie interna dei denti la membrana mucosa della bocca è di color grigio. Sulla faccia superiore dei palatini, in vicinanza delle narici vi sono due spine. Le narici, anteriori e posteriori, sono riunite in due piccoli tubicini situati tra le spine suddette vicino al bordo della mascella superiore.

Lophius piscatorius - Rana pescatrice - Foto Francesco Turano

Foto di Francesco Turano

Gli occhi sono piccoli, ellissoidali e posti superiormente, le orbite si presentano con spine.  Poco dopo le narici e lungo la linea mediana della testa vi è un lungo raggio mobile, seguito da un secondo, entrambi separati dai raggi della dorsale. L'anteriore, lungo fino a 50 cm, termina con un'appendice carnosa (a volte bifida), mentre quello posteriore, che è più corto, è frangiato e termina a punta. Un terzo raggio isolato nasce dietro gli occhi.
La bocca è enorme e dotata di denti cuneoformi, più evidenti nella mascella superiore. Gli opercoli sono situati all'ascella delle pettorali.
Le pinne dorsali sono due.
La prima con tre raggi filiformi uniti solo alla base da una breve membrana. La seconda è più formata ed è situata molto dietro. L'anale, inserita inferiormente, è simile e corrispondente alla seconda dorsale. Le ventrali sono in posizione giugulare, sono nascoste quando il pesce è appoggiato sul fondo. Le pettorali sono peduncolate e robuste. Tutto il corpo è circondato come da una frangia di piccole appendici carnose frastagliate.

piscatrici - Ranan pescatrice - Foto di Walter Preitano

La colorazione è bruno-violacea o bruno olivastra, maculata da chiazze irregolari. Ventre bianco. Le pettorali più scure, sono inferiormente biancastre con bordo e macchie nere.
E' un pesce bentonico che si adagia sul fondo (fino a 400 m di profondità),
in attesa delle prede che attira col movimento dei suoi filamenti liberi della testa. Si trova anche vicino alla costa tra le praterie erbose e talvolta sale anche alla superficie. Si sposta lentamente aiutandosi con movimenti delle pinne ventrali e delle pettorali. La femmina nei primi mesi invernali depone le uova, agglutinate in un lungo nastro gelatinoso galleggiante. Le larve pelagiche intorno ai 5cm migrano verso il fondo. Si nutre preferibilmente di pesci (pleuronettiformi, gadidi, clupeidi). Viene catturata dalle reti a strascico, ma abbocca facilmente alle lenze e ai parangali di fondo. La sua carne bianchissima e soda, conosciuta con il nome di Code di rospo,  è molto buona. Può raggiungere oltre un metro e mezzo di lunghezza e i 30 Kg in peso.
In Italia è nota ovunque.

Leggi Pesci mostruosi
di Francesco Turano

Nomi dialettali

GENOVA

Budeghi, Budegassa.

SAVONA

Gianello.

VIAREGGIO

Boldrò.

LIVORNO

Bordrò.

IMPERIA

Galanga.

TRIESTE

Rospo de fango, Diavolo de mar.

ROMA

Martino.

NAPOLI

Zucapece.

GETA

Pescatrice nera.

ANCONA

Rospo grosso, Pescatrice.

PESCARA

Rospo.

VENEZIA

Rospo.

CAGLIARI

Piscatrixi.

OLBIA

Piscatrice niedda, piscatrice.

CHIOGGIA

Rospo, Rospo de fango, Diavolo di mar.

MESSINA

Piscatrici.

SICILIA

Piscatrici.

PALERMO

Lamia

Vai a sommario Lampridiformi - senza frames
Lophiiformes