I Pesci dei Mari d'Italia
 

Classe: Elasmobranchii

RAZZA
SCUFFINA

Ord. RAJIFORMES

Fam. Rajidae

Gen. Raja


Foto di Roberto Pillon - 2008

Raja radula   Delaroche 1809

Il disco è subquadrangolare, più largo che lungo. Il muso è ottuso con rostro quasi inesistente. Il dorso è coperto da piccole spinule appuntite, alle pinne pelviche e alla coda. Sul dorso vi è una serie mediana di piccole spine che vanno dalla nuca alla prima dorsale. Lungo la coda la serie mediana è fiancheggiata da altre spine laterali. Il ventre nel maschio è liscio, mentre nella femmina sono presenti rugosità verso l'estremità del muso e nello spazio tra la parte superiore delle ventrali e le fessure branchiali.  Sia nel maschio sia nella femmina la coda è molto spinulosa.
La bocca della femmina è più larga e meno arcuata di quella del maschio
I denti del maschio sono al centro a forma di cono basso e smussato o troncato e lateralmente triangolari a punta arrotondata.
Le pinne pettorali hanno i margini anteriori dritti o leggermente convessi e quelli posteriore chiaramente convessi; gli apici sono arrotondati. Le due pinne dorsali, situate posteriormente sulla coda, sono piccole (la prima più grande della seconda) e distanziate fra loro. Le pinne pelviche sono arrotondate e nettamente differenziate dalle pettorali (il lobo posteriore di queste è collegato con il lobo anteriore delle ventrali)

La colorazione dorsalmente varia da una tinta di fondo bruno-giallastra a una rossastra con macchie nere e fasce ondulate scure. Su ogni ala si nota un ocello bruno scuro circondato da un anello color crema. Anche quest'ultimo anello ha un bordo scuro circondato da macchiette biancastre irregolarmente disposte. Macchie bianco-sporco si notano anche sull'intera superficie del dorso. Nella parte posteriore vi possono essere, anche, altri piccoli ocelli non molto distinti. Il ventre è bianco, tranne gli orli del disco, che sono bordati di grigio.
V
ive, su fondi fangosi,  a profondità usualmente tra i 100 e i 350 metri, ma si può incontrare a profondità molto meno elevate (anche un paio di metri). La riproduzione è ovipara e avviene in inverno. Depone annualmente da 80 a 154 uova di circa 5 cm di lunghezza e 3.5 cm di larghezza. La capsula ovarica è oblunga e munita di 4 appendici della stessa lunghezza, che terminano con un filamento breve e sottile. La gestazione embrionale dura circa 4 mesi
Si nutre di molluschi
, crostacei, pesci e altri organismi bentonici. Si cattura con reti a strascico e con palangresi da fondo. Può raggiungere i 70 cm. Si consuma fresca o congelata. E' innocuo per l'uomo.
Nei mari  italiani è nota in Sicilia e nel mar Ligure, nel Tirreno e in Adriatico.


Foto di Santo Tirnetta


Foto di Santo Tirnetta


Foto su Gli Amici di Sua Maestà

Nomi dialettali

IMPERIA

Raspo

LA SPEZIA

Rasa

MONFALCONE

Rasa spinosa

CATANIA

Picara tunna

MESSINA

Pichira spinusa   Pichira magnusa

TRAPANI

Rasa spinusa

PALERMO

Picara spinusa

Sommario Rajformi
Rajiformes