I Pesci dei Mari d'Italia
 

Classe: Elasmobranchii

RAZZA
MONACA

Ord. RAJIFORMES

Fam. Rajidae

Gen. Dipturus


Foto in www.mnhn.fr/iccanam

Dipturus oxyrinchus   (Linneo, 1758)

Il disco, romboidale, presenta i margini anteriori concavi e convergenti, in alto al centro, in un rostro lungo, appuntito e stretto. La pelle è superiormente liscia, ad eccezione della presenza di una spina preorbitale. Con la crescita, l'estremità del muso e il margine anteriore del disco divengono spinulosi e così pure le orbite oculari. Negli esemplari grossi, la spinulosità si estende a quasi tutta la superficie dorsale. Presenti  3-4 serie di spine alari. Lungo la coda, in posizione laterale, esistono negli adulti, altre 11-14 spine, spaziate irregolarmente, lunghe e appuntite e che possono essere dritte o ricurve, sia in avanti che indietro.  Il lato ventrale del disco, abbastanza liscio nei giovani, diventa negli adulti più ruvido e spinuloso di quello dorsale.
Tutta la superficie è  coperta di pori nerastri che rappresentano il foro di uscita di canali mucosi. La bocca è piccola e arcuata con mascelle munite di denti più o meno appuntiti, disposti in serie verticali (35-42 in quella superiore).
Nei maschi i denti centrali di ambedue le mascelle hanno una base allargata su cui sorge una punta lunga, acuta e uncinata, volta verso l'interno. I denti laterali, nei maschi posseggono una punta centrale brevissima e nelle femmine sono del tutto piani e mozzati. Nei giovani di ambo i sessi, tutti i denti sono sempre lisci e senza punte.

Le pinne pettorali hanno i margini abbastanza acuti.


Foto in www.mnhn.fr/iccanam

La colorazione nei giovani è bruno caffè-latte uniforme, con macchie circolari biancastre. Con l'età la colorazione si scurisce fino a blu-grigio fumo, mentre le macchie chiare tendono a confondersi col fondo e ne appaiono altre scure. Il lato ventrale è brunastro e grigiastro con striature e macchie nere; si scurisce negli adulti.
Frequenta fondali sabbiosi e sabbio-rocciosi da 90
(15) m ad oltre 900 m, ma è più usuale intorno ai 200 m. La maturità sessuale viene raggiunta per i maschi tra 70 e 80 cm e per le femmine oltre i 90 cm; quest'ultime sono state trovate gravide da febbraio ad aprile, ma viene anche segnalata una probabile deposizione tra febbraio e maggio. E' ovipara e la capsula ovarica è oblunga (14-23 cm lunga e 11-12 cm larga), con i margini laterali espansi e di consistenza legnosa; il colore è castagno scuro.
E' carnivora (prevalenza di crostacei e cefalopodi) come tutte le congeneri. Si cattura occasionalmente con reti a strascico e  palangresi d'alto fondo. Raggiunge un metro e mezzo di lunghezza dalla punta del muso alla coda, più comunemente oscilla tra 60 e 100 cm. Per la conservazione della specie è considerata "vulnerabile".
In Italia è più o meno ovunque,
non comune e sempre a grande profondità (intorno ai 500 m).

Nomi dialettali

IMPERIA 

Pissua

GENOVA 

Razza capussinha

VIAREGGIO 

Moro, Moccolosa

LIVORNO 

Razza monahina 

CIVITAVECCHIA 

Arzilla monaca

ROMA 

Monaca

GAETA 

Monaca liscia

NAPOLI 

Raia monaca

TARANTO 

Rascia munachella

OTRANTO 

Monicedda muccusa

MOLFETTA 

Menécièdde

BARI 

Raja monachella

ANCONA 

Mocosa

VENEZIA 

Bavoso, Moreto

TRIESTE 

Bavoso Rasa bavosa

CAGLIARI 

Scritta lisa,  Munnina

ORISTANO 

Su Scritta

CARLOFORTE 

Squeu

OLBIA 

Razza de fundali

MESSINA 

Pichira pala

CATANIA 

Picara scapuccina

PALERMO 

Picara scapuccina

Sommario Rajformi
Rajiformes