I Pesci dei Mari d'Italia
 

Classe: Actinopterygii

FIETO

Ord. PERCIFORMES

Fam. Stromateidae

Gen. Stromateus


Foto in www.marbef.org

Stromateus fiatola    Linneo, 1758
Il genere Stromateus dà il nome alla famiglia e al sottordine. Nel Mediterraneo è presente una sola specie.

adattato da  "Ipesci delle Coste italiane" - G.BiniHa corpo ovaliforme e alto, compresso lateralmente, più allungato negli adulti, con profili dorsale e ventrale arcuati. La testa  piccola con profilo tondeggiante e muso corto e arrotondato. Gli occhi sono alquanto piccoli.  Non ha  vescica natatoria.
La bocca è piccola, terminale e tagliata obliquamente. I denti, minuti e conici, in entrambe le mascelle sono disposti in una sola fila e sui bordi.
Ha una sola pinna dorsale con 42-51 raggi, inizialmente alti ma che decrescono rapidamente verso il peduncolo caudale; è preceduta da alcuni raggi spiniformi non ben strutturati. L'anale (33-38 raggi) ha origine più arretrata della dorsale, di cui segue l'aspetto e l'andamento; anch'essa è preceduta da alcuni raggi spiniformi poco distinti. Le pettorali (22-25 raggi) sono spatolate e corte.
La pinna caudale è profondamente forcuta e con lobi lunghi e appuntiti. Le ventrali mancano negli adulti.


Esemplare di 24 cm e 125 g - Scoglitti


Foto in
www.exblog.jp

La colazione nella parte dorsale è grigio piombo con riflessi azzurro-verdastri; sui lati va schiarendosi fino a biancastro nella parte ventrale. Macchie e strisce dorate sono presenti sul corpo. I lati della testa sono dorati, come pure l'iride.  Gli stadi giovanili hanno una colorazione diversa: fondo giallastro, punteggiato di bruno, con fasce verticali scure.
E' una specie
pelagica. In estate si avvicina alla costa. La riproduzione è in primava-estate. I giovani, in piccoli branchi, seguono le meduse delle specie Rhizostoma pulmo e Cotylorhiza tubercolata ed hanno le pinne ventrali abbastanza sviluppate, che poi regrediscono e scompaiono negli adulti. Si nutre di organismi planctonici, comprese meduse e altri celenterati. Si pescano occasionalmente con reti di circuizione o con reti a strascico. Ha carni variamente apprezzate, considerate anche buone. Può raggiungere una lunghezza di 45 cm.
Nei mari italiani è conosciuto, ma non è comune.


ICHTHYOLOGIE ou HISTOIRE NATURELLE DES POISSONS - MARC ÉLIÉSER BLOCH

Nomi dialettali

GENOVA

Leccia bastarda

LIVORNO

Fico, Fieto

ROMA

Fiatola

NAPOLI

Pesce fica, Fica di mare

Reggio Calabria

Alicella

CROTONE

Lampruzza

TARANTO

Pemice

VASTO

Pescie faunghe

PESCARA

Pescie fiche

TERMOLI

Rénnele

ANCONA

Alice piccola

VENEZIA

Pesse figa

MON FALCONE

Figo

TRIESTE

Figa

CAGLIARI

Indorada

OLBIA

Lambuga

MESSINA

Pisci sapuni

PALERMO

Fétula

Sommario Perciformi
PERCIFORMES