I Pesci dei Mari d'Italia
 

Classe: Actinopterygii

CERNIA
DI FONDALE

Ord. PERCIFORMES

Fam. Polyprionidae

Gen. Polyprion


Foto in  www.mnhn.fr/iccanam

Polyprion americanum    (Bloch e Schneider, 1801)

Il corpo è tozzo, grosso, non molto schiacciato lateralmente. Esclusi la testa, gli opercoli e le mascelle, è coperto da piccole squame ruvide, che si estendono anche alla base delle pinne. Il capo è massiccio, con profilo ripido ed è leggermente incavato nella regione interorbitale.  Le narici sono ampie e vicine. L'occhio è grande e circolare.
La
bocca è molto grande ed ha la mandibola prominente. I denti,  piccoli, robusti e conici, sono disposti sulle mascelle, sul vomere, sui palatini e sulla lingua. Il preopercolo è seghettato e l'opercolo ha una robusta cresta ossea orizzontale e appuntita.
La pinna dorsale è unica; la prima parte ha 11 raggi spinosi (
i primi tre sono i più corti),  e la seconda parte ha 11-13 raggi molli ed alti, che si innestano su una grossa protuberanza, caratteristica della specie.  La pinna anale, innestata come la parte molle della dorsale su una protuberanza,  ha 3 raggi spinosi forti a cui fanno seguito 8-9 raggi molli. La coda (17-19 raggi) ha il bordo posteriore arrotondato negli esemplari giovani e troncato dritto in quelli adulti. Le pettorali sono ampie e rotonde. Anche le ventrali (1 raggio spinoso e 5 molli, sono ampie e arrotondate.


Foto di Walter Preitano


Foto di Walter Preitano

I giovani sono di colore bruno violaceo, con macchie più chiare e più scure sparse e bordi delle pinne biancastri.  Negli adulti il corpo assume una tinta unita brunastra, più scura sul dorso con riflessi vinosi e più chiara sul ventre con sfumature giallastre.
Frequenta generalmente fondali rocciosi tra i 100 e i 200 m, ma scende anche a profondità di 1000 m; si intana anche in relitti isolati su fondi sabbiosi. Quando è giovane, non è raro, trovarlo in superficie all'ombra di materiali alla deriva. E' una specie vorace e carnivora, specialmente di molluschi e crostacei. Si cattura quasi esclusivamente con lenze o parangali di fondo. Ha carni bianche molto apprezzate.  Raggiunge il peso di 50 Kg e la lunghezza di 2 metri
Abbastanza comune in Sicilia e nelle acque del Tirreno; presente, anche dallo Jonio  fino all'Adriatico centrale.


Foto di Walter Preitano

Nomi dialettali

IMPERIA

Cernio

GENOVA

Lúxerna de fundo  Pampanotto (L)

LA SPEZIA

Luxerna de fondo

VIAREGGIO

Cernia di rena

LIV ORNO

Cernia di scoglio

NAPOLI

Cernia 'e funnale

REGGIO Calabria

Addottu

CROTONE

Cergna

BRINDISI

Dottu, Cernia

ANCONA

Cerniola

TRIESTE

Scarpena de sasso, Scarpena salvadega

SIRACUSA

Dottu

TRAPANI

Cernia

MESSINA

Addottu

PALERMO

Addottu

Sommario Perciformi
PERCIFORMES


©