I Pesci dei Mari d'Italia
 

Classe: Actinopterygii

BOCCA  D'ORO

Ord. PERCIFORMES

Fam. Sciaenidae

Gen. Argyrosomus


Foto in www.mnhn.fr/iccanam

Argyrosomus regius     (Asso, 1801)

elaborato da Atlante dei pesci delle coste d'italia - G. BiniCorpo allungato, non molto compresso lateralmente, con profilo dorsale più arcuato di quello ventrale. E' ricoperto di scaglie  grosse sui fianchi e pvbiù piccole sulla testa. La linea laterale ha 50-55 squame, segue il profilo del dorso e si stende anche sulla pinna codale. La testa è grossa, con occhio circolare e relativamente piccolo. Le aperture nasali sono evidenti e  quella posteriore, ovaliforme, è situata prima del margine anteriore dell'orbita. 
La
bocca è grande e quasi orizzontale. I denti sono cardiformi e disposti a fasce. La vescica natatoria, ricca di numerose appendici,  è molto grande e occupa la cavità ventrale.
Le pinne dorsali sono due e unite tra loro; la prima ha 9aggi spinosi (il primo e l'ultimo molto corti) e una forma triangolare; la seconda (1 raggio spinoso e 27-28 molli) è molto più lunga ed ha altezza quasi costante. L'anale è breve 7-8 raggi molli, preceduti da 2 raggi spinosi sottili. La caudale (17 raggi) è spatolata e il lobo superiore è più sporgente di quello inferiore. Le pettorali sono piccole e di forma triangolare. Anche le ventrali (1 raggio spinoso e 5 molli) è ridotta.


Foto di Walter Preitano


Foto di Walter Preitano

La colorazione è grigio piombo, dorsalmente più scura e con riflessi bronzei; i fianchi sono  più chiari e argentei; il ventre è bianco e le pinne grigie o brune. L'interno della bocca è giallo dorato.
Vive in acque poco profonde sulle coste sabbiose, spesso in vicinanza di sbocchi di acque dolci. Ha la capacità di emettere rumori dovuti alla vibrazione della vescica natatoria. Forse si riproduce nei mesi estivi. Si nutre di sardine e altri clupeiformi, di saraghi, mormore, boghe e cefali. Si cattura con le reti a strascico o con reti da posta. Abbocca anche alle lenze. Può raggiungere i due metri di lunghezza e oltre 100 chili di peso.
Presente su tutte le coste italiane, ma poco comune ovunque. Più rara nell'Adriatico.


Foto di Walter Preitano


Foto in Fishing forum

Nomi dialettali

GENOVA

Umbrinha da sabbia

LIVORNO

Boccagialla

TARANTO

Vocca d'oro

TERRARACINA

Bocca d'oro

NAPOLI

Bocca d'oro

ORTONA

Lecce, Umbraine

MOLFETTA

Bocca dore

MESSINA

Buccadoru, Umbra 'mperiali

TRAPANI

Alaccia

GALLIPOL0

Surmone

CHIOGGIA

Corbo

CAGLIARI

Umbrina di canale

CATANIA

Umbrina, Alaccia

TRAPANI

Alaccia

PALERMO

Vucca d'oro

Sommario Perciformi
PERCIFORMES