I Pesci dei Mari d'Italia
 

Classe: Actinopterygii

CEFALO  CALAMITA
Botolo

Ord. PERCIFORMES

Fam. Mugilidae

Gen. Liza


Foto di Walter Preitano

Liza ramada   (Risso, 1827)

Ha corpo allungato, a sezione cilindrica centralmente e compresso lateralmente in vicinanza del peduncolo caudale. Quest'ultimo è alto e robustio. E' coperto da squame grandi e ruvide. La parte anteriore della testa è appiattita sia superiormente sia inferiormente.  L'occhio è rotondo e spostato in avanti.
Le pinne dorsali sono due e distanziate tra loro. La prima ha forma triangolare ed ha 4 raggi spinosi, di cui il primo è il più alto. La seconda è meno estesa e più bassa della prima; ha 1 raggio spinoso e 8 molli. La pinna anale è più lunga della seconda dorsale e si inserisce prima di questa; è composta da 3 raggi spinosi (il primo è il più corto) e 9 molli articolati e ramificati. Le pinne pettorali (17 raggi) sono più tondeggianti e poco più corte che nei congeneri. La pinna caudale (17 raggi) è robusta, con lobi appuntiti e leggermente forcuta.


www.mnhn.fr/iccanam

Il colore del corpo è grigio cenere, dorsalmente più scuro e con riflessi azzurri-ardesia. I fianchi sono grigio-argentei e sono attraversati longitudinalmente da strisce più scure.  La parte ventrale è bianco-argentea. Le pinne sono grigiastre. Sull'opercolo può esservi macchia dorata a contorni indecisi, bordata sia anteriormente sia posteriormente da un alone scuro. Quasi sempre esiste una macchia nera nell'angolo superiore delle pettorali.

E' un pesce eurialino che vive sia nelle acque salmastre sia in quelle dolci. Entra nelle lagune venete nel mese di febbraio. Nei fiumi in inverno si riunisce in grandi branchi che si disperdono poi in primavera. Scende al mare nel periodo riproduttivo invernale. Le uova sono galleggianti, sferiche e gli stadi larvali, post-larvali e giovanili hanno abitudini pelagiche. Si alimenta di microrganismi e di ogni genere di sostanze organiche. In primavera si nutre anche di germogli di alghe. Abbocca all'amo e nel Veneto l'esca più adatta è formata da vermi fatti morire immergendoli nell'aceto. Ha carni consistenti e buone. Raggiunge le dimensioni di 50-60 cm. di lunghezza.
Si trova in tutto il Mediterraneo.

Nomi dialettali

GENOVA

Museu

LA SPEZIA

Musai

VIAREGGIO

Testone. Volpino, Acuccotto

LIVORNO

Muggine, Firzetta, Capacchiolo, Caparello

ROMA

Cefolo

NAPOLI

Cetaro mazzone, Vàraco

Reggio Calabria

Mazzuni

TARANTO

Vrànzulu

OTRANTO

Garzalonghe

BARI

Ciefl

MOLFETTA

Vraute

PESCARA

Botolo

ANCONA

Botolo

VENEZIA

Botolo, Caustelo, Terzanino, Caustelone, Chiavone, Batauro

Monfalcone

Cavastel

TRIESTE

Caosteo

SARDEGNA

Gevulu, Lissa

MESSINA

Cefalu, Cefalu i caruvana

CATANIA

Cefaluni Varagozzu

PALERMO

Mulettu tistuni

CORS1CA

Acucu

 

Sommario Perciformi
PERCIFORMES