I Pesci dei Mari d'Italia
 

Classe: Actinopterygii

CEFALO
Muggine - Volpina

Ord. PERCIFORMES

Fam. Mugilidae

Gen. Mugil


Foto di Vasile Otel (costa rumena del Mar Nero - 2008)

Mugil cephalus   (Linneo, 1758)

Ha il corpo robusto e oblungo, anteriormente trapezoidale e al centro cilindrico; verso la coda si appiattisce ed ha un peduncolo caudale robusto e alto.  
La testa è tozza,
massiccia con muso corto. L'occhio è ricoperto da una palpebra cornea adiposa, che si apre in corrispondenza della pupilla con una stretta fessura ovaliforme e si prolunga sia avanti sia posteriormente all'apertura oculare.
La bocca è terminale
. Le labbra sono evidenti, ma non molto carnose, e le mascelle sono munite di serie di dentini sottili e villiformi.
Ha due
pinne dorsali corte. La prima è composta da 4 raggi spinosi ed ha una forma a vela. La seconda, con 1 raggio spinoso e 8 molli, si inserisce a distanza dalla prima e ha una forma a ventaglio. La pinna anale (3 raggi spinosi, di cui il primo è corto, e 8 molli ramificati) è opposta alla seconda dorsale ed ha la stessa forma a ventaglio. La pinna caudale  è robusta e incavata, però i lobi non sono molto forcuti.


Foto di Roberto Pillon

Il colore del copro è grigio argenteo, dorsalmente grigio bluastro o nerastro. I fianchi sono grigio-argento e con 6-7 strisce longitudinali bruno-nere. Il ventre è bianco-candido, con riflessi argentei. All'ascella della pinna pettorale è presente una macchia nerastra.
E' specie gregaria, specialmente negli stadi giovanili. Vive in vicinanza della costa con fondo roccioso e scoglioso, ma frequenta anche fondi sabbiosi e fangosi, vicino a corsi di acqua dolce. Preferisce le lagune salmastre, in cui viene anche allevato.
Ha un nuoto rapido e salta due o tre metri fuori dell'acqua per evitare le reti o gli inseguitori.
La riproduzione avviene in mare, dalla
primavera a fine estate. Gli avannotti risalgono le acque salmastre e dolci. E' un pesce che si nutre di piccoli organismi animali e di sostanze organiche in decomposizione. Viene catturato con le lenze a più ami, con le reti da lancio (rezzaglio), con i tramagli, con gli sciabichelli e con altre reti, ma soprattutto con tratte e lavorieri, durante la ridiscesa in mare. La carne è apprezza e con le uova in Sardegna e in Corsica viene preparata la Bottarga. E' il più grosso di tutti i congeneri e può arrivare al peso di oltre 9 kg e a 120 cm di lunghezza.
Presente in tutto il Mediterraneo e in tutte le acque dolci e salmastre che sboccano nel Mediterraneo.

Nomi dialettali

SAVONA

Mussao neigro

GENOVA

Muzao, Massun

LA SPEZIA

 Musai

VIAREGGIO

Testone, Volpino, Muggine, M. Caparello, Capocello

LIVORNO

Mazzone, Muggine, Firzetta

ROMA

Cefolo, Mattarello

GAETA

Capozzo, Capazzone, Cefalo mazzone

NAPOLI

Cefalo verace, Capuozzo

TARANTO

Capocefalo, Capozze

GALLIPOLI

Gefalu, Ngefanu

OTRANTO

Capozza

BARI

Ciefl

MOLFETTA

Tueppe

PESCARA

Mujelle

ANCONA

Mugella

RIMINI

Baldigare, Zievalo

CHIOGGIA

Cievolo Meschiarini, Meciatini

FRIULI

Sieul

MONFALCONE

Volpina, Mecia, Meciato, Ciavarini

TRIESTE

Volpina

CAGLIARI

Lissa, Muggini

ORISTANO

Su pisci de iscatu

CARLOFORTE

Muza

OLBIA

Muzzulu, Glissà  Muzzeru

MESSINA

Cefulu cirinu, Tistuni

CATANIA

Mulettu, Murtareddu, Cefalu

SIRACUSA

Muletta

TRAPANI

Mulettu

Sommario Perciformi
PERCIFORMES