I Pesci dei Mari d'Italia
 

Classe: Actinopterygii

TORDO MACULATO
Tordo verde

Ord. PERCIFORMES

Fam. Labridae

Gen. Symphodus

Symphodus roissali   (Risso, 1810)

Ha il corpo ovale, alto e compresso lateralmente, ricoperto di squame abbastanza grandi (30-33 sulla linea laterale, la quale segue il profilo del dorso, fino ad abbassarsi bruscamente al termine della dorsale. Sotto l'occhio ha 4 serie di squame caratteristiche.
La testa è conica. Gli occhi sono di media grandezza e circondati da una serie di pori.  Altri pori si trovano sulla nuca e nello spazio interorbitale. Le narici sono piccole e poco visibili.
La bocca è poco protrattile e con labbra carnose; la mascella superiore è appena prominente.
I denti sono 10-12 nella mascella superiore (con i due centrali più grandi) e 10-16 in quella inferiore. Il preopercolo è finemente dentellato nel margine posteriore.
La pinna dorsale è unica ed è sostenuta da 14-15 raggi spinosi e 9 raggi molli; il suo margine posteriore è arrotondato. L'anale (3 raggi spinosi e 8-9 raggi molli) è leggermente più lunga della parte molle della dorsale ma è arrotondata  allo stesso modo. La caudale (13-14 raggi) è spatolata, con contorno quasi quadrangolare e gli angoli appena arrotondati.
Le pettorali sono tondeggianti e si inseriscono appena un poco innanzi alle ventrali.

La colorazione varia secondo il sesso, la stagione, l'ambiente, la taglia e l'ambiente.
Nei maschi domina una colorazione rossiccia, su cui vi sono macchie
nerastre e bianche, che a volte formano delle fasce orizzontali verde, gialle o rosso mattone. Le stesse macchie altre volte si possono organizza dando l'impressione di formare delle bande verticali lungo i fianchi. Dagli opercoli quasi sempre dipartono delle fasce oblique marrone scuro, che giungono fino alla gola. La papilla urogenitale è bianca.
Nelle femmine predomina una tonalità verdastra, sempre maculata più o meno regolarmente fino al peduncolo caudale.
A volte il verde assume tonalità smeraldine. La papilla urogenitale è blu scuro.
Alla base della pinna dorsale, con intervalli regolari e sfumate verso l'alto, vi sono quasi sempre 5 o più macchie scure. Una macchia scura si trova nella parte mediana-inferiore del peduncolo caudale
Frequenta i
bassi fondali delle coste rocciose  tra i sassi e le alghe del fondo e nelle praterie di zostere e posidonie. Il maschio prepara il nido con alghe e sabbia a profondità inferiore al metro. Le uova sono ricoperte di un muco che aderisce al fondo e alle alghe. Si nutre di Molluschi (Gasteropodi, Bivalvi e Anfineuri) Ofiure, Anellidi, Echinidi, Briozoi, Gamberi e Ostracodi
e viene pescato con nasse, retini e lenze. Raggiunge la dimensione di 15 (20) cm.
E' una
specie esclusiva mediterranea ed è comune su tutte le coste italiane (frequente nel Tirreno e Jonio, meno nell'Adriatico)



Nomi dialettali 

CIVITAVECCHIA

Lappera

CAGLIARI

Arroccaleddu purceddini,  A ogu de perdixi

CATANIA

Pittara di pulici

MESSINA 

Lappara

PALERMO

Pittima, Pittimeddu Occhiu pernici

PORTOEMPEDOCLE

Turdu stizziatu

ANCONA

Smerlacchia

Sommario Perciformi
PERCIFORMES