I Pesci dei Mari d'Italia
 

Classe: Actinopterygii

RICCIOLA  FASCIATA

Ord. PERCIFORMES

Fam. Carangidae

Gen. Seriola

 


Foto in www.mapa.es

Seriola fasciata   (Bloch, 1793)
E'
una specie tropicale e subtropicale, ormai, penetrata nel Mediterraneo, giungendo anche nei mari meridionali dell'Italia, specie quelli insulari.

 

Ha corpo allungato e fusiforme, compresso leggermente di lato, discretamente alto (più convesso superiormente che nella parte inferiore). E' coperto di squame piccole e cicloidi. La linea laterale è priva di scudetti.
La bocca è ampia, la mascella (più bassa di quella della S. dumerili) è più estesa posteriormente e arriva all'altezza del margine anteriore dell'occhio. I denti sono minuti e disposti a fascia sia nella mascella superiore sia in quella inferiore.

La prima pinna dorsale, normalmente,  ha 8 raggi spinosi (negli individui adulti il primo e l'ottavo raggio regrediscono), di cui i centrali sono i più alti. La seconda dorsale ha un raggio spinoso  seguito da 28-33 raggi molli, che dopo il lobo iniziale appena accennato, si mantengono di altezza leggermente decrescente. La pinna anale è poco più della metà della seconda dorsale, ha due piccoli raggi spinosi distaccati, a cui fa seguito un altro raggio spinoso  e 17-20 raggi molli; il suo andamento è simile a quella della seconda dorsale. Le pinne pelviche sono più lunghe delle pettorali. La coda è molto forcuta. Ai lati del peduncolo caudale è presente una carena carnosa e due fossette.

 

 

Il colore del dorso è scuro con riflessi rosa-violacei, mentre le regioni addominali e i fianchi sono bianco madreperlaceo. Sul capo presente una fascia scura, che va dall'occhio alla nuca. La pinna dorsale è scura alla base e va schiarendosi verso il margine, fino a diventare biancastro. La pinna anale ha margini e lobo biancastri, per il resto è scura. Le pinne pettorali si scuriscono verso la base. Le pinne pelviche sono biancastre, ma gran parte della superficie dorsale è scura. Una macchia nerastra si nota nella parte centrale della pinna caudale, la quale, nell'insieme, è più chiara delle altre pinne. I giovani portano 8 fasce scure, di cui 7 verticali e discontinue sui fianchi e una sul peduncolo caudale.
Ha abitudini più costiere dei congeneri e frequenta fondali di 50-130 m. I giovani si radunano in superficie sotto oggetti galleggianti. Si nutre soprattutto di calamari. Misura fino a 75 cm e supera il peso di 5 kg.

La sua presenza nei mari italiani sta divenendo sempre più frequente, specie a sud.

 


 

Foto di Francesco Costa

 

Nomi dialettali: nessuno

Sommario Perciformi

PERCIFORMES