I Pesci dei Mari d'Italia
 

Classe: Actinopterygii

RICCIOLA  FALCATA
Ricciola limone

Ord. PERCIFORMES

Fam. Carangidae

Gen. Seriola


Foto in  www.mnhn.fr

Seriola rivoliana   Valenciennes, 1833

Ha corpo allungato, compresso leggermente, moderatamente alto e più convesso dorsalmente. E' coperto di squame cicloidi e non ha scudetti. La linea laterale, giunta sul peduncolo caudale, forma una una chiglia dermale carnosa.  La testa e il muso sono leggermente acuti, la bocca non è molto grande, ma ha la mascella superiore larga e il sopramascellare,  posteriormente arrotondato, che giunge fino al margine anteriore della pupilla.
La mascella inferiore è leggermente prominente. I denti sono disposte a fasce su entrambe le mascelle. Fra le spine della testa, quelle opercolari sono le più pronunciate. Negli individui superiore ai 20 cm, vi sono 15-18 branchiospine sul primo arco branchiale.
La prima pinna dorsale ha 7 raggi spinosi, di cui il primo, negli adulti, tende a ridursi. La seconda dorsale  ha 1 raggio spinoso seguito da 27-33 raggi molli ed il lobo anteriore è molto alto. La pinna anale ha 3 raggi spinosi, di cui due distaccati e uno ridotto  o conficcato nella pelle, seguiti da 18-22 raggi molli; la sua base è contenuta circa una volta e mezza nella base della seconda dorsale. Le pinne pelviche sono più lunghe delle pinne pettorali. Peduncolo caudale con  fossetta dorsale e ventrale. Alla fine della seconda dorsale e dell'anale non vi sono pinnule. La pinna codale è molto forcuta, con lobi appuntiti.



Foto in fishbase

Colore  molto variabile che va dal bruno all'oliva o al verde-blu, dorsalmente più scuro (con qualche riflesso dorato occasionale) e che va schiarendosi lungo i fianchi, fino a diventare bianco-argenteo ventralmente. Una banda abbastanza netta e forte, specie negli adulti,  parte dal muso, attraversa l'occhio e arriva, sfumata, alla base della prima pinna dorsale. Una debole banda di colore ambra, parte dall'occhio e percorre longitudinalmente la parte mediana dei fianchi. Le pinne pelviche sono bianche ventralmente e lateralmente, mentre la superficie dorsale è scura; talvolta le pinne sono totalmente scure. Pinna anale scura con la parte del lobo e, frequentemente, una banda longitudinale marginale biancastra. Tutte le altre pinne sono scure. Gli esemplari giovanili, entro i 18 cm, hanno una fascia scura che va dalla nuca alla base della prima dorsale e 6 fasce strette e verticali (sempre scure, ma centralmente più chiare), lungo i fianchi; una settima fascia si trova alla fine del peduncolo caudale (alcuni autori citano 8 fasce verticali).
Specie pelagica e demersale, che si sposta solitaria o in piccoli gruppi nella colonna d'acqua da 5 a 35 m, ma può scendere anche a profondità più elevate (160 m). Gli individui giovani spesso si radunano sotto oggetti o sargassi galleggianti alla deriva. La riproduzione probabilmente avviene a fine primave e le uova sono pelagiche. Si alimenta di pesci e di invertebrati. Carni, a secondo dei gusti, ritenute buone. Lunghezza massima 160 cm, comunemente 90 cm. Peso massimo intorno ai 60 kg.
Specie circumglobale, tropicali e subtropicali, recentemente entrato nel Mediterraneo, segnalato a Lampedusa.

 

Nomi dialettali 

Sommario Perciformi

PERCIFORMES