I Pesci dei Mari d'Italia
 

Classe: Actinopterygii

RICCIOLA

Ord. PERCIFORMES

Fam. Carangidae

Gen. Seriola


Foto di Antonio Colacino

Ricciola - Foto Walter Preitano

Seriola dumerili   (Risso, 1810)

 

Ha corpo allungato, fusiforme, compresso lateralmente. Gli esemplari giovani hanno, in proporzione,  l'altezza del corpo maggiore di quella degli esemplari adulti. Il profilo della testa declina gradualmente dal dorso e termina in un muso arrotondato. La pelle è liscia e interamente ricoperta da scaglie minute (150-180 sulla linea laterale). Anche le guance sono coperte di scaglie. Sul peduncolo caudale vi è una carena per l'ispessimento delle scaglie della linea laterale.
La bocca è ampia e i denti sono numerosi, piccoli e sottili e disposti in ampie fasce in ambedue le mascelle, sul vomere, sui palatini e anche sulla lingua.
La prima dorsale è bassa e corta, composta da 7 raggi spinosi non molto robusti. La seconda dorsale è molto lunga con profilo falciforme. L'anale, preceduta da due corte spine, è lunga quasi quanto la seconda dorsale. La caudale è robusta e profondamente forcuta. Le pettorali sono corte e spatolate, le ventrali sono inserite al disotto di esse e sono dotate di una membrana che le unisce alla superficie ventrale. Le pinne ventrali ripiegate all'indietro si dispongono in un apposito alloggio.


 

 

 

Foto di Antonio Colacino

 

La colorazione del dorso è grigia azzurra, mentre i fianchi sono più chiari fino a quasi bianco-argentei sul ventre.  Una fascia gialla dorata corre lungo i fianchi dalla punta del muso al peduncolo caudale e punti e macchie dorate sono presenti sui mascellari e sulla regione dorsale. In giovane età sono uniformemente giallognole.

E' un pesce pelagico, veloce nuotatore che si avvicina periodicamente alla costa, anche in bassi fondali. I giovani si radunano in branchi piuttosto numerosi e non si incontrano mai da soli; gli adulti sono sempre in piccoli gruppi e talvolta solitari. Nel periodo estivo nuotano in vicinanza della superficie ed è facile incontrarli in vicinanza delle coste rocciose delle isole o nei promontori. Alle Eolie un sub che si immerge in acqua relativamente distante dalla costa e si mette in attesa, spesso e volentieri, viene avvicinato da un branco di ricciole, che incuriosite si approssimano compiendo cerchi sempre più stretti. La riproduzione avviene a fine primavera e in estate. Le uova sono pelagiche e lo sviluppo embrionale si compie in pochi giorni. Si alimenta di pesci e insegue i branchi dei cefali fino a pochi metri dalla costa.  Si cattura alla traina e con reti da posta. A volte entra nelle tonnare. Le sue dimensioni arrivano a 2 metri di lunghezza e peso di oltre 80 kg

E' una specie caratteristica dell'Atlantico centrale e si trova in tutto il bacino del Mediterraneo comunemente

 


Foto di Walter Preitano

 


Foto Alberto Biondi (J)

 

 

Nomi dialettali 

GENOVA 

Leccia

LIVORNO

Sartaleone

MANFREDONIA

Occhio grasso

NAPOLI 

Ricciola

ROMA

Leccia, Ricciola

MOLFETTA 

Lecce

MESSINA 

Ariccciola

ANCONA

Alice grande

TROPEA

Ricciola, Sumu

OLBIA

Aricciola, Licciola

CAGLIARI

Siviola, Lambuga

VENEZIA

Lissa bastarda

NICOTERA

Lupatein

CORSICA

Ciriola

VASTO

Lecciutte

TARANTO

Jarrupe

BRINDISI

Ricciola, Lupina

REGGIO CALABRIA

Alici, Acciola

SCILLA

Acciola

IMPERIA

Alicosa

Sommario Perciformi

PERCIFORMES


©