I Pesci dei Mari d'Italia
 

Classe: Actinopterygii

SURO
Sugarello

Ord. PERCIFORMES

Fam. Carangidae

Gen. Trachurus


Foto di Ilkyaz in www.ilkyaz.eu

Trachurus trachurus  (Linneo, 1758)

La forma del corpo e delle pinne sono caratteristiche del genere.
La pelle è coperta di scaglie piccolissime, sottili, lisce e molto caduche. La linea laterale è tutta ricoperta da scudetti ossei, sovrapposti ad embrice, dotati di una punta nel bordo posteriore. Dalla metà circa della linea laterale  le spine formano una specie di carenatura corazzata. Il numero degli scudetti varia tra 69 e 79 e costituisce uno dei due caratteri più evidenti per la distinzione della specie.
Anche la linea laterale accessoria, tra l'inizio della prima dorsale e i primi due terzi della seconda, caratterizza la specie.
La testa è punta, con bocca ampia, obliqua, con la mandibola lievemente prominente. I denti sono disposti in una sola fila in ambedue le mascelle ed esistono anche sul vomere, sul palatino e sulla lingua. L'occhio è piuttosto grande ed è munito di due palpebre adipose fisse, una anteriore ed una posteriore, che lasciano una apertura centrale dove appare la pupilla.
Le due pinne dorsali si ripiegano indietro e restano nascoste in un solco che esiste sul dorso.

Il colore del dorso è grigio verdastro ed i fianchi sono argentei con riflessi violacei metallici. Il ventre è bianco argenteo.
Si riunisce in gruppi più o meno grandi con  abitudini pelagiche. Nei mesi estivi si avvicina alla costa. Nei mesi invernali scende a profondità anche superiori a 500 metri, riunendosi in branchi numerosi. La riproduzione avviene durante tutto l'anno, maggiormente in estate. Gli stadi giovanili si raggruppano in gruppetti di 7-10 individui e nuotano sotto l'ombrello delle Cassiopee. Si dispongono anche sotto oggetti galleggianti. E' carnivoro e si alimenta con crostacei planctonici, stadi larvali e giovanili di altri pesci. La pesca si esegue generalmente di notte sotto le lampare con reti di circuizione. In inverno si catturano anche con reti a strascico e palangresi di fondo nelle zone della pesca al merluzzo. Può raggiungere i 50 cm di lunghezza (mediamente intorno ai 30 cm.)
C
omune in tutto il Mediterraneo


Foto di Walter preitano

Nomi dialettali

GENOVA 

Suello

LIVORNO

Sugarello

MANFREDONIA

Lacierte

TERRARACINA

Schiamuto

NAPOLI 

Sauro, Savarello,Savaro

ROMA

Sugherello, Sauro

MOLFETTA 

Lacierte, Stangac'ze

MESSINA 

Sauru, Sauru jancu, Sauru lisciu

ANCONA

Sciuro, Suro

PESCARA

Sure

OLBIA

Surellu, Surellu golfitanu

CAGLIARI

Surellu

VENEZIA

Suro

TRIESTE

Suro

TARANTO

Traule, Ciertu

GALLIPOLI

Treulu, Cpicalaru

CATANIA

Sauru lisciu

TRAPANI

Sauru, Savori

Sommario Perciformi

PERCIFORMES