I Pesci dei Mari d'Italia
 

Classe: Actinopterygii

BROTULIDE  ATLANTICO

Ord. Ophidiiformes

Fam. Bythitidae/Bythitinae

Gen. Bellottia


Foto di Bañón Díaz, Rafael  in  fishbase

Cataetyx laticeps   Koefoed, 1927

Il corpo è snello, ma con la testa fortemente depressa e il muso schiacciato (più largo che lungo). E' ricoperto di squame, anche su preopercolo, opercolo e sulla testa, dove divengono piccole e numerose; sulla linea laterale ve ne sono145. Squame più grosse si trovano vicino all'istmo branchiale.
Vicino all'angolo superiore dell'opercolo vi è una spina forte e appuntita. Gli occhi sono piccoli e ovali, posti dorsalmente e diretti verso l'alto. 
La bocca è grande, tagliata orizzontalmente;
la mascella inferiore termina con una protuberanza smussata; il margine della mascella superiore termina molto oltre l'occhio. Presenti denti granuliformi su mascella inferiore e superiore e in  quest'ultima vi sono alcuni dentini aguzzi. Altri denti si trovano su vomere e sul palatino.  Nel primo arco branchiale vi sono 3 branchiospine.
La pinna dorsale (91-108 raggi molli) si innesta ad un terzo della lunghezza del corpo e raggiunge, con una altezza che vede il suo massimo a metà, la pinna caudale, in cui confluisce anche l'anale. Questa ha 74-87 raggi molli, inizia subito dopo l'apertura anale (posta quasi a metà corpo) ed ha un andamento simile alla dorsale. Le pinne ventrali sono formate da un solo corto raggio. Le pettorali (22-29 raggi molli) sono sviluppate, ma non grandi.
Le vertebre sono 60-61.


Foto in www.biologiezentrum.at

Il colore del corpo è marrone, con sfumature grigiastre.
E' una specie bentonica o bentopelagica, che vive normalmente  su fondali intorno ai 1000 m, ma può risalire a 500 m o scendere oltre i 2500m. Poco si sa sull'alimentazione e sulla riproduzione, tranne che è viviparo e che l'organo riproduttivo maschile è impiantato su una larga base carnosa. La lunghezza massima conosciuta è di 65 cm, mediamente è 30-40 cm.
Specie molto rara, anche se distribuita nell'Atlantico orientale, attorno alle isole Britanniche, alle Azzorre e all'Africa occidentale. Segnalata la sua presenza anche nell'Atlantico occidentale e nel Mediterraneo occidentale.
In Italia è stato segnalato ad occidente della Sardegna, ma nuove segnalazione fanno presupporre che sia presente in tutto il Mediterraneo.


Foto in www.biologiezentrum.at
 

Fonti:
Fishbase, FAO, NAFO,
www.mnhn.fr, www.biologiezentrum.at

Stefanescu, C., Lloris, D. & Rucabado, J., 1990. Primeras citas de Cataetyx laticeps (Osteichthyes,
Bythitidae) y Dysomma brevirostre (Osteichthyes, Synaphobranchidae) en el Mar Catalán (Mediterráneo Ibérico). Misc. Zool., 14: 135-143

Feeding habits of Cataetyx alleni (Pisces: Bythitidae) in the deep western Mediterranean - MAITE CARRASSÓN and JESÚS MATALLANAS - Dpto. Biología Animal, Biología Vegetal y Ecología, Universidad Autónoma de Barcelona, Bellaterra,

NIELSEN J.G. (1984) in WHITEHEAD P.J.P., BAUCHOT M.L., HUREAU J.-C., NIELSEN J. & E. TORTONESE (Eds.) Fishes of the North-eastern Atlantic and the Mediterranean

Nomi dialettali:  nessuno

Sommario Perciformi
Ophidiiformes