Anatomia del Corpo Organi dermici

Organi del sistema nervoso
Linea laterale

Quasi tutti i pesci hanno la linea laterale, che svolge la funzione di recettore delle vibrazioni e delle variazioni della pressione dell'acqua.
La linea laterale è un insieme di canali longitudinali pieni di muco, a volte è un semplice solco, ma molto più spesso è un tubicolo.
Può essere singola o doppia o a forca, avere una forma continua rettilinea o ad arco (seguendo il profilo dorsale) o interrotta o irregolare.
Fra le tante ramificazioni che può avere, particolare importanza assumono le ramificazioni mandibolari, infraorbitali e sopraorbitali nei due lati della testa. Le linee sopraorbitali sono collegate tra loro dorsalmente da una linea commisurale.
La linea laterale ha origine sul capo, dove coinvolge le terminazione nervose del facciale, ed è posta, generalmente sulla linea mediana di entrambi i fianchi, vicino alla superficie della pelle, con cui comunica con molti altri tubicoli che attraversano le squame e con dei sensori che recepiscono le vibrazioni o la variazione della pressione dell'acqua.
Questi sensori, detti
neuromasti, sono
disposti in modo organizzato. Possono essere superficiali e liberi oppure infossati in delle depressioni epiteliali o posti lungo il canale laterale. A volte assumono una forma indefinita ed estesa a forma di chiazza sulla pelle, a volte sono concentrati in bottoni ben definiti con struttura a cupola.


Neuromasto della linea laterale di anguilla

In pratica i neuromasti sono delle cellule sensoriali ciliate, contenute in una capsula gelatinosa a forma di cupola, che poggia sulla membrana basale.
La loro sommità raggiunge la superficie epiteliale ed entra in contatto con l'acqua o con il secreto mucoso contenuto nel canale laterale e grazie a sottili e sensibili cilia, orientati in due direzioni e a volte raggruppati in fascetti, è grado di  percepire le variazioni di pressione. Queste variazioni vengono mutate in impulsi nervosi che vengono inviati  al
nervo laterale (un ramo del vago) o al nervo glosso-faringeo.

La linea laterale è correlata ai labirinti dell'orecchio, con cui interagisce sinergicamente, ed è in grado di determinare il comportamento di fronte ad ostacoli, alla presenza di altri pesci (il movimento sincrono di un banco è un tipico esempio), a rumori e a vibrazioni di varia natura.

Originandosi da neuroni somatosensitivi e sviluppandosi lungo delle linee direttrici, i neuromasti degli elasmobranchi si distribuiscono nella pelle della regione cefalica o del tronco e della coda, allineandosi sul fondo di canali comunicanti con l'esterno, tramite pori, e ravvolti in una specie di manicotto, che si sviluppa di più nelle diramazioni infraorbitale e sopraorbitale . Quest'ultima si prolunga, su i due fianchi e dorso-lateralmente, verso la coda sotto forma di un canale laterale.

Organi affini alla linea laterale sono le vescicole del Savi e le ampolle del Lorenzini dei Plagiostomi e speciali elementi sensitivi cutanei sono i corpi ciatiformi dei Gobiidi.