www.colapisci.itL'uomo che diventa pesce per necessità o per sceltaCola e Sirena

Amici Venti

"Vengono tempeste eoliane
a rompere i sigilli della tua
invisibile prigionia
e il raro Levante risveglia d'oro l’alba,
diffonde profumi d’oriente nuovi e porta via
la soffocante sabbia dell'altro amore

Se vuoi, su pelagiche velelle troveremo riparo"

"Amore abbandonato, sei la rondine
del mio annunciato autunno.
Sei la parola sottratta
a mille anni di silenzio.
Flauto di Pan dal canto melodioso..
Tu rinasci sempre a nuovo amore,
sei fiaccola che arde nella notte
sei lucciola che brilla tra le mani"

"Il mio grido ha vinto
il buio profondo del liquido cielo,
per lavare le tue piaghe d’amore
ha implorato il libeccio:
porterà nuova acqua
e nuove rondini di primavera
arriveranno ad allegrare l’aria,
ad illuminare gli occhi spenti"

"Il tuo volto, Cola,
è quello di un guerriero macedone,
dal capo avvolto
in un'elmo di canizie.
Il tuo sguardo
è quello del condor
quando sorvòla abissi
di distanze"

"Con il Grecale giungo
per
baciare la tua pelle al sole
e per raccontarti delle visioni
di una città diafana e addormentata,
proiettata sull'acqua
e
moltiplicata da mille desideri
nell'immobile stupore della gente.
Aria azzurrina e fatata scende già su di noi"

Stretto di Messina

"Il desiderio  di te è come la rossa melagrana.
E' un piccolo alveare stillante
il rosso sangue dell'amore  inappagato.
Avvolti sono i chicchi in bianchi veli di prigionie,
la carezza non data
avvizzisce come scorza rugosa e purpurea.
Vana è la loro dolcezza
se non si posa sulla bocca del mio amato"

"Anima mia, vibrano le tese corde di un piano.
Dal nord sibila il Maestro
e, rotte con forza le catene
delle malinconiche prigionie,
riempie il cielo di cristalli salati:
come spada rigeneratrice aggredisce gli scogli
e li rende promessa di silice dorata,
impalpabile talamo ai confini del mare"

"
E' la tua voce, Cola,
o è
solo il vento tra le persiane?
Taci, cuore mio. Taci
E' solo l'aquilone del desiderio,
che ha sfiorato il mio cielo,
è il  lamento di una conchiglia,
senza l'eco del mare....

"Nei tuoi occhi di ossidiana
ritrovo il volo alto dell'amore
Cerco  il sole sensuale di maggio
il tuo canto antico,
l'odore dei fiori d'arancio
e il turbamento dei gelsomini
Ora, ti accolgono le mie braccia,
le mie mani al petto ti stringono ancora"

"Urlo mille ti amo.
che ricadono
come atomi di illusioni sul mare,
Mare, mare e ancora mare
icona di Te,
bara di Te,
braccia di Te,
Sogno di Te"

 

Cola & Annysea 

Sommario Racconti

www.colapisci.it