Cola PesceColapisci: l'uomo che diventa pesce per necessità o per scelta

Settembre

 

Settembre estate
per malinconici giri di nuvole al passo.
Sospeso sui desideri di tenaci riflessi di sole,
regala instabili nostalgie.
Settembre un capriccio di stagione,
un dispetto di natura.
Non ama le regole della matematica del tempo;
indisciplinato di dolcezze e di improvviso avanzare di calura.
Regala il suo cielo ai tagli di ali degli uccelli
che ubbidiscono al passaggio.
Non mese di certezze ma implica transizione,
anarchica volutt di confusione.
A volte chiude un cerchio,
ma spesso sparpaglia geometriche sospensioni.

Settembre lascia le spiagge
agli odori delle piogge e alla salsedine dell'anima.
A chi non pu sopportare il distacco con il mare
per l'inganno di conclusione.
All'incontro di orme di solitudini e
sabbia che vuole riposare.
Alle lacrime struggenti
di chi avverte i colori di una luce
che piano piano diventa ombra.
Ad un tramonto che diventa viola e
ad un orizzonte che diventa contorno di disegni perfetti.
A noi, che siamo figli di Settembre,
rinnova la nostra confusa appartenenza
a estati infinite e a profumi di anarchici,
malinconici voli d'autunno.

 

Pelorias

dm

 

Sommario Racconti

www.colapisci.it