Cola PesceColapisci: l'uomo che diventa pesce per necessità o per scelta

La mia casa

 

 

Vorrei uno scatolone per farci casa. O un guscio di noce o una conchiglia regalata da marosi.
La mia casa di scorta, il mio angolo rannicchiato.
Porterei con me le scarpe d'argento e i colori del mondo, il caldo per l'inverno e il mare per l'estate.
Ruberei la musica ai cantanti e i libri agli scrittori.
E da lí dentro potrei sentire lo squarcio di tempesta e i graffi del vento, i passi della notte e le parole di troppo.
Oserei l'ascolto del lupo, il fruscio di foglie orfane di albero, il boato del Maelstrom, il fiato dell'incognita.
Spierei l'amore, per capire dove inizia e dove finisce e l'odio per capire perché inizia e perché non finisce.
Mangerei il mio pianto per dare forza al mio sorriso e inventerei la mia nuova solitudine.
E poi ballerei sulle mie scarpe d'argento e canterei la musica del mondo per essere pronta, di nuovo, ancora, a sfidare l'infinito limite del mio limite

 

Pelorias

dm

 

Sommario Racconti

www.colapisci.it