Cola PesceColapisci: l'uomo che diventa pesce per necessità o per sceltaColapesce e l'Araba Fenice

La musica della tua acqua

 

Onde

 

Passo di notte
dalle parti della tua casa
e mentre si affrettano i miei passi
alla tua soglia
già mi pare di udirla,
la musica prepotente dell'acqua,
sembra che strumenti a percussione
campane tubolari

xilofoni,

tastiere,
si accalchino,

si sovrappongano

si abbraccino,
ridano come bocche cristalline
ma poi, d'improvviso

sono tamburi,
violenti come tuoni che incupiscono
lo spazio che ti è d'intorno.


Gocce impetuose di cascate invisibili
ti rivestono le guance, ti coprono
l'abbagliante luce degli occhi,
passano pennellate di bianco gesso
sull'arco della tua bocca

seppellendone il sorriso.
Mi fa paura quel clamore
che non ha più niente di musicale.
Mi ritrovo madida di acqua,

che non è sudore,
né lacrime, ma una cascata di liquido silenzio.
E mi perdo,
entrando timorosa
nel labirinto
della tua anima.

 

 

Fenice

Sommario Racconti

www.colapisci.it