Cola PesceColapisci: l'uomo che diventa pesce per necessità o per sceltaColapesce e l'Araba Fenice

Nelle braccia di Thanatos

Rinascita

Senza più ricordi, fluttuo

nel vuoto dell’ultimo sogno

e mi vesto di notti illuni

tra occhi neri e stanchi.

 

Un sibaritico abbraccio mi regge,

mentre le mani tue

in abissi fermi si perdono.

Silenzi di onde lontane bisbigliano.

 

In questo blu indecente

di liquida aria,

sparsi e ostinati

balenii resistono.

 

Come in un perpetuo gioco,

destini imponderabili

artigliano i flebili riverberi

e  il cerchio della vita non chiudono.

 

Sulla soglia dell'altro mondo

muta ogni cosa e

un malinconico sorriso

mi accompagna.
 

 

Cola

 

Sommario Racconti

www.colapisci.it