www.colapisci.itL'uomo che diventa pesce per necessità o per sceltaVola e i Naviganti

Anche lui come 'Cola

'i du me facci

Buddaci missinisi

Stanno 'nta cattidra, 'nto mumentu i nostalgia
pinsava; ma quantu è strana a me vita...
da deci anni a Vicenza, pari ca'j eri pattia,
lauriatu friscu, figghiuleddu, cu 'na zzita...

Pattia 'nto misi i mazzu 'i Missina,
c'un patri gravi, ccu cori tuttu lazzariatu,
e passannu davanti a Madunnina,
malidicja a me vita tuttu 'ncazzatu.

Ora chi jaju u ricettu di famigghia,
nenti cancjau, non mi dugnu paci,
mi blocca u passaggiu du pani quannu mi pigghia
u sdilliriu i Missina e i so' buddaci.

Ccà sugnu cchiù basatu, caminu chi quasetti,
pantaluni ca' gghiga, babba fatta ogni matina,
buzza i peddi, ossequiatu e chinu di rispetti,
insomma...'na cosa diversa di Missina.

Sugnu un prifissuri 'i Scienzi naturali;
fazzu esperimenti, spiegu astronomia,
'nterrugu, correggiu compiti boni e mali
e acchi'vvota 'nsignu puru geografia.

Sugnu amatu di presidi e studenti;
non parramu poi di genituri...
e u segretu di tanti apprizzamenti
è chi 'nsignu sempri cun' amori.

A matina, ccu l'occhi quasi chi jariddi nesciu,
fazzu a spisa, incu bracioli, giocu a dama,
disegno, pitturu, cci ggiocu e picciriddi
e fazzu rebus pi' tutta 'na simana.

Eppuru, quannu s' avvicina u misi i giugnu
i me' ruteddi 'ncumicinu a girari...
pensu o' Paradisu unni sugnu sugnu
e mi passa puru a valja i travagghiari.

U viaggiu pi' Missina mi pari nenti
e u me' cori già diventa ranni,
inchennusi di tanti alligramenti
quannu 'ntravidu Villa San Giuvanni.

Eccu chi mintennu i pedi o Paradisu
mi scoddu completamente jò cu jera,
diventu n'autru, sugnu comu un fusu tisu
e a 'me facci è comu un ciuri i' primavera.

Cu jera e cu sugnu no javi 'mpottanza,
caminu a pedi 'ntera, vaju a mari, calu nassi,
vogu, pigghiu beddi pisci di paranza
e a me vita a passu a mari e supra i massi.

Pigghiu lappiri, scoffini, virioli e biadi
calannu rampini; mi suggiu sempri a' 'bburi;
i me' mani sunnu tutti lazzariati
e malanova e pisci nni mannu tutti l'uri.

Non aju figghi, pinseri i famigghia 'nto villaggiu!
l'anghimu, a lampadara, a cammaria e u mari forti
onestamente, mi fannu cchiù sabbaggiu
e i me' mugghieri mi ricoddu sulu a notti!

Stà vita dura sulu ddu misí, ma a fini agostu
ricettu a lancia, sabbu i lenzi, 'nduciu a rizza
bbaciu a tutti e chi valiggi a postu
ripattu pi' ssupra e cu' tutta a me stizza

chiudu ogni cosa e 'nta stu scinariu,
comu un tiatru, ci calu u sipariu.

 

Francesco Costa

 


I miei due volti

 buddaci missinisi

Stando sulla cattedra in un momento di nostalgia
pensavo: ma quanto è strana la mia vita,
da 10 anni a Vicenza, sembra essere partito ieri
appena laureato, giovanotto, con una fidanzata…

Sono partito nel mese di marzo, da Messina,
con un papà grave, col cuore fatto a pezzi
e passando davanti la Madonnina
ho maledetto la mia vita su tutte le furie.

Ora che mi dedico alla mia famiglia
non è cambiato nulla, non mi dò pace,
mi si blocca la gola quando mi piglia
il forte desiderio di Messina e i suoi abitanti.

Qui sono diventato più  maturo, cammino con le calze ai piedi,
pantaloni sempre con la piega, barba sempre rasata ogni mattina,
borsa in pelle, ossequiato da tutti e pieno di rispetti,
insomma…una cosa ben diversa da Messina.

Sono un docente di scienze naturali,
faccio esperimenti, spiego astronomia,
interrogo, correggo compiti ben fatti o pieni di errori
ma qualche volta insegno anche geografia.

Sono amato da presidi e studenti;
non parliamo poi dei genitori….
e il segreto di cotanti apprezzamenti
è che insegno sempre con amore.

Di mattina, con gli occhi ancora da lavare,
esco, faccio un po’ di spesa, preparo gli involtini, gioco a dama,
disegno, pitturo, gioco ai miei bambini
e faccio rebus per tutta la settimana.. (1)

Eppure, non appena siamo a giugno
il mio cervello comincia a roteare…
penso a Paradiso (2) ovunque io vada
e mi passa perfino la voglia di lavorare.

Il viaggio verso Messina mi sembra un lampo
e il mio cuore già si rallegra
riempiendosi di cotanta felicità
non appena  appare all’orizzonte Villa San Giovanni.

Ecco che arrivando a Paradiso
dimentico completamente chi ero,
divento un altro, sono come ringalluzzito
e il mio volto sembra essere un fiore di primavera.

 Chi ero e chi sono non ha più importanza,
cammino a piedi scalzi, vado a mare, calo le nasse,
remo, pesco pesci di ottima qualità
e la mia vita scorre a mare e sopra le scogliere frangiflutti.

Catturo Labridi, Scorfani, Donzelle ed Occhiate
calando a fondo lenze di profondità; mi sveglio sempre all’alba
le mie mani sono un ammasso di piaghe
e inveisco contro i pesci a tutte le ore.

 E’ come se io non avessi figli, nessun pensiero verso i miei cari a Paradiso..
la gamberiera, la lampara, il mare liscio come l’olio o molto mosso
in tutta sincerità mi rendono ancora più selvaggio
e di mia moglie mi ricordo solo quando sono a letto….

Questa vita dura solo due mesi, ma a fine agosto
metto al sicuro la mia barca, conservo le lenze, lavo con acqua dolce le reti,
bacio tutti i miei parenti e con le valigie già pronte
riparto verso il Nord e con tutta la mia acredine

chiudo ogni cosa….e in questo scenario,
così come avviene al teatro, io calo il sipario.

 

Francesco Costa

 

Vicenza 7 settembre 1981

 

Nota 1
– lo scrivente insegnava alle serali per cui era libero dalla mattina fino alle ore 19,00
Nota 2
–  Paradiso è un villaggio ove sono nato, a cinque  metri dal mare

  

Sommario Racconti

www.colapisci.it