www.colapisci.itL'uomo che diventa pesce per necessità o per scelta

Ignazio Buttitta

Colapesce
Leggenda Siciliana in due tempi


Colapesce - Scuola Media Cordenons

Secondo Tempo
Decima scena

Riappare subito Cola. La folla applaude.

 

COLAPESCE (mentre porge la coppa al Re)

È vostra.

Si vi jttati a mari, puru a vui piscu.

Vi piscu e vi mettu ntronu!

La gente applaude.

 

IL RE

Un'altra prova. (si toglie la corona e porgendogliela)

Me l'ha lasciata mio padre, se la peschi è tua.

Lancia la corona nel mare.

 

Vaju a pigghialla, ma non la vogghiu.

Mi basta zocc'aju.

Si tuffa.

Passano alcuni minuti di attesa e di tensione e Colapesce

 

Eccu a curuna. (rivolto al Re)

Calativi! (Il Re esegue)

Vi mettu a curuna!

Lassatila e vostri figghi.

 

Vinu pi tutti!

Maimone come sopra offre vino a tutti

 

Vinu sicilianu, (brindando)

vinu di racina.

Maistà, biviti,

nfurzativi a carina!

(Cola avvicinandosi al Re, adagio)

Mu dissi a rigina... hai a carina lenta...

 

LA REGINA (che ha sentito)

Maleducato!

 

Mu dicissi dumani.

Additta piscianu i cani!

 

Il Re torna a consultarsi con Maimone, poi rivolto a Cola

Mi dicisti, ca nnò funnu du Strittu ci sunnu tri canali

 

Tri canali nfucati.

 

Scinnici, astutali.

 

L'accettu sta proposta... (dopo avere meditato)

U Signuri fici l'omu,

e ci livò na costa.

 

MAIMONE

E fici a fimmina!

Non ci pinzari.

L'ultima prova.

 

Datimi un lignu. (Maimone glielo da)

Stu lignu mu portu nno funnu du mari

u nfilu nni l'acqua vugghenti

e vi lu portu.

 

Si fai chistu, (indica la figlia)

sarai u spusu d'idda.

 


Colapesce - Scuola Media Cordenons

 

ASSUNTA

E beddu, mi piaci! (gioiosa)

 

NINFA

Cola l'havi a diri!

 

Siti chiù mbriacuni i me patrii (rivolto al Re)

Datila a cu vi pari, vu dissi,

u me regnu nno mari è!

Vucca di sirena, (rivolgendosi a Ninfa che lo guarda con amore)

vara di salvizza,

ventu di livanti:

mi canti e m'arruspigghi nno mari!

Tu, prega a Madonna; (Rivolto alla madre che piange)

a prigavi ogni sira e non chiancevi:

binidicitimi u figghiu, ci dicevi.

Arriparatilu chi vostri manu! (allungando le braccia verso la statua della Santa)

Astutati u focu!

 

Voci della folla

Mortu ti voli!

 

Non ti voglio morto.

 

Voci della folla

Ti nganna!

U putiri voli!

 

Non ascoltare la plebaglia!

 

Vuci di populu... lassatimi pinzari...

(mette le mani sulla fronte e fa piccoli gesti che esprimono dubbi; poi, al Re)

Si stu lingu non lu portu

dicu a me matri

e cu m'ama, binidiciti l'ossa di Cola,

sippilluti nna rina.

 

Voci della folla

No Cola, no!

 

U distinu cala di ncelu... u vidu. (fissando il mare)

 

Voci della folla

Non l'accittari!

Non l'accittari!

Cunnanna studiata fu!

 

LA MADRE (straziata)

Chi malu distinu!

A sorti!

 

Non si cancia a sorti... cunnanna divina... divina...

Abbraccia la madre, Ninfa, e poi salutando la folla si tuffa. Tragica attesa e tensione della folla; passano alcuni minuti.

 

Doveva morire, non era un Santo. (con freddezza)

 

Né Santo, né eroe.

 

Molti pescatori

Vivu è!

L'eroi non morinu mai!

 

Arriposa figghiu! (con dolore, allungando le braccia verso il mare)

Tò matri finìu d'arripusari.

Finìu di diriti paroli d'amuri!

 

NINFA

Addivintaru focu i so paroli! (disperandosi)

L'haiu nno cori.

Abbruciu! Abbruciu! (tragicamente)

 

Tuttu u mari è focu! (continua e singhiozzando)

Dda notti, ti tirai da ventri, cu sti manu, figghiu!

Du mari, non ti pozzu tirari! (Sempre singhiozzando)

Cuntavi i stiddi ddà notti.

Tu sì a chiù granni, mi dicevi.

Io chiancia...

Chiancla...

 

LA REGINA

Restanu i matri a chianciri!

 

 

 

 

CALA LA TELA

 

© Edizioni P&M - Messina, 1986

 

Sommario Racconti

www.colapisci.it