www.colapisci.itL'uomo che diventa pesce per necessit o per scelta

Ignazio Buttitta

Colapesce
Leggenda Siciliana in due tempi


Colapesce - Scuola Media Cordenons

Secondo Tempo
Nona scena

In scena: Ninfa, Maimone, i genitori di Colapesce, la famiglia reale. Nel centro della piazza affollata la statua della Madonna.

 

IL RE

Fate allontanare la gente. (rivolto a Maimone)

Maimone fa eseguire l'ordine.

Quannu cumpari vostru figghiu (rivolgendosi alla madre d Colapesce)

ricurdatevi di diricci:

U Re ti voli parrari.

La folla freme, grida, gesticola; pare abbia il fuoco sotto i piedi e con voci diverse.

 

FOLLA

Curaggiu donna Sufia!

U figghiu vostru !

U Re un lu fa arristari!

Onuri ci voli fari!

Mortu u voli, mortu! (Voce di un marinaio)

I Re tutti i stissi sunnu! (Un'altra voce)

Cumprimenti ci voli fari! (Un'altra voce ancora)

 

LA MADRE (con strazio e allungando le braccia verso la statua)

Vui u chiancistivu u figghiu!

V'addinucchiastivu e so pedi!

U vidistivu mriri!

Ci asciugastivu i piaghi! (Girandosi e rivolta verso il mare)

Figghiu, s non si mortu, rispunni!

 

(Il Re la sollecita)

U Re ti voli parrari...

 

Non rispunni?...

U persi u figghiu!...

Nuddu nn'havi piet. (con disperazione e alzando le braccia al cielo)

 

Il mare copre la vostra voce. (con indifferenza rivolto alla madre di Colapesce)

 

MAIMONE

U funnu, prufunnu.

 

ASSUNTA

S'avissi a vuci forti u chiamassi io.

 

NINFA

Non c' vuci bastanti s'un c' amuri. (rivolta ad Assunta)

 

IL PADRE

U chiamu io.

 

U chiama a matri!

(La gente freme, grida)

 

Curaggiu donna Sofia. (Una voce della folla)

Tradimentu! (Una forte voce)

Muru! muru! (Un'altra voce)

Vivu Cola! (Un'altra voce pi forte)

 

Mortu ! (con maggiore strazio)

Puru u cori mi morsi!

Apprensione di tutti e lungo silenzio; nuvole attraversano il cielo; poi il sole e la voce di Cola

 

COLAPESCE

Vegnu!

Gridi di gioia della folla e acclamazioni.

 

Figghiu!

Figghiu miu!

Cola salta sulla banchina; saluta con le mani la gente e abbraccia la madre.

 

Sinta a t vuci e non puta vniri.

Un pisciazzu m'ava aggranfatu e non mi lassava.

(continuando rivolto al Re e facendo l'inchino)

Maist, mi scappelli!.

A prima vota chi vi viu.

(indicando la Regina)

Chista a Rigina, si vidi (si inchina)

A canzuna havu u peri,

prima u maritu e poi a muggheri.

(Rivolto a Ninfa)

Tu si Ninfa... A notti ti vinia a truvari...

Ti purtava i ciuri...

 

Io t'aspittava a finestra... (La gente applaude, Ninfa continua)

ti grapa a porta... tu trasevi... poi...

 

Poi, nenti: sigreti sunnu.

 

Poi ti scapricciavi, dillu! (Una voce forte di pescatore)
La folla applaude Colapesce

 

Quantu cosi un si ponnu diri!

Vui mi siti scognitu; (rivolgendosi a Maimone)

mi pariti u spadderi:

vi dugnu a manu, pi rivirenza,

manciari picca pinitenza.

 

Grazie, sacciu cu s e chi fai.

 

A mia non mi canusci? (rivolto a Cola, risentito)

Quantu voti ti purtai 'ncoddu: pisavi chi d'un zainu.

Quantu pupiddi  t'accattai,

quantu cosi duci ti detti.

 

Me patri s: non ti pozzu rifiutari.

 

Quantu lenzi  mi rumpisti.

Quantu pisci jttasti a mmari:

mi facevi fari i vudedda frdici!

 

Quantu lignati dasti a me matri!

Quantu muccuna amari!

Quantu vini ti vivisti: mbriacunazzu s!

a marturiavi! (indica la madre)

 

U patri si rispetta.

 

E a fimmina fa a quasetta!

 

E u Re fa u Re.

 

E a pecura fa me!

 

LA REGINA

A Rigina, fa a Rigina.

 

E a serva, passa a mappina!

 

Io sugnu un ministru.

 

Ed io vi rigistru.

 

Mi dicanu ca s menzu pisci e menzu omu. (rivolto a Cola)

 

Voci della folla

Omu !

Megghiu di tia !

 

Parla il vostro re! (rivolto alla folla)

Mi dicanu

che avevi le dita congiunte,

i piedi come le anitre,

la pelle squamosa...

Dimmillu 'nsicilianu, non ti capisciu! (interrompendo il Re)

Mi dicanu, c'abbuddi,

tocchi u funnu

e acchiani un pugnu i rina,

veru ?

 

Facitimicci pinzari...

Subito Maimone esce e porta delle anfore di vino che offre a tutti riempendo i bicchieri.

 

Mi dicanu, ca s u chi putenti nataturi du munnu

veru ?

 

Veru: Diu mi fici accuss.

Sugnu Colapisci: omu e pisci,

pisci e omu: un'arma nno ncorpu.

 

Veru c'affunni bastimenti cu ciatu?

 

Cu ciatu e c'un ciusciuni;

vui siti a puppa

e divintati stuppa!

 

Veru ca sutta u Strittu (sempre pi preoccupato)

ci sunnu tri culonni i petra

ca sustennu a Sicilia?

 

Tri culonni, una smanciata:

si cadi, affunna a Sicilia!

 

E tu chi p fari?

 

Ajsu a culonna

e a Sicilia torna.

 

Veru ca nno Strittu calanu tri canali d'acqua...

Nfucata, vugghenti comu a lava!

 

Voci di pescatori

Maria Santissima!

Nmenzu u focu semu!

Abbruciati muremu!

 

Questa coppa d'oro... (dopo aver preso una coppa e mentre la offre a Colapesce)

 

Surdu sugnu;

doppu Maggiu veni Giugnu.

 

No, subitu. (fraintendendo)

Io a jettu a mari (la butta)

si tu s chiddu chi dici d'essiri

affunna e portamilla.

A me morti sarai u capu du regnu.

 

Maist, u vinu v'acchian ntesta!

Non vogghiu essiri n Re e n Mperaturi,

u me regnu nno mari ...

U mari chi granni da terra,

havi miliardi di viventi:

a terra p finiri, u mari mai!

Nno mari ci su giardini,

vschira,

chianri,

muntagni,

ciuri,

curalli,

erbi prufumati:

specchiu du celu u mari!

 

La folla applaude

Bravu!

Viva Cola!

Viva!

 

Rifiuti a furtuna, a curuna?

Fai comu voi; ma dammi na prova da to putenza.

 

No Cola, no! (atterrita)

 

Mortu ti voli!

 

Non pozzu mriri!

L'eroi non mrinu!

Si tuffa nel mare. Tensione della folla. Gridi e imprecazioni.

 

IL CONTASTORIE

Entra cantando.

Non chianciti Colapisci;

ora torna comu prima

e ci porta a coppa o Re

chi non l'ama e mancu u stima.

 

Si non torna sull'istanti

voli gdiri i billizzi

chi ci sunnu nfunnu o mari

e si sciogghinu li trizzi.

 

Comu fimmini nno lettu

vidi l'unni donni nuri

e li strinci nno so pettu

pi dilizia d'amuri.

 

Miliuna i meravigghi

c' nno mari e un li videmu

e nfilici supra a terra

aspittamu chi muremu.

 

La chi granni meravigghia

china d'oru e d'ornamenti

u palazzu i Colapisci

granni quantu un cuntinenti.

 

Nta lu mari non c' sbirri

e n codici pinali

chi cunnanna li nnuccenti

e a li ricchi duna sciali.

 

Pisci grossi e pisci nichi,

comu nterra, su nnimici;

e lu grossu mancia o niku

e u Signuri i binidici.

 

Ora posu la chitarra

ca gi sentu a vuci i Cola

chi natannu veni nzumma

comu n'aquila chi vola.

Esce.

 

 

 

CALA LA TELA

 

Edizioni P&M - Messina, 1986

 

Sommario Racconti

www.colapisci.it