www.colapisci.itL'uomo che diventa pesce per necessità o per sceltaRaccontano Colapesce: Cola e Aphrodite

Silenzio  senza  fine

Cuore mio,
non ti spezzare,
troppo ti sei chinato
a baciare la terra
ove lasciò la sua labile impronta
il fantasma di colui
che credesti di amare….

Cuore mio, non ti spezzare…
lascia che un altro mare,
un'altra onda,
ti culli nelle notti
senza musica,
che altra poesia incendi il tuo cuore
come campi di papaveri rossi
di passione,
che ippogrifi di nuvole rosa
ti facciano volare alto,
ad un passo dal paradiso,
e parole d'amore ti siano compagne
sempre a sconfiggere i suoi silenzi sepolcrali.

E altre mani ti accarezzino
per allontanare quelle della morte
che ghermisce il tuo cuore
e lo rende suo prigioniero.

Prigioniero di un silenzio senza fine.


Aphrodite

am

Sommario Racconti

www.colapisci.it