www.colapisci.itL'uomo che diventa pesce per necessità o per sceltaWalter Ignazio Preitano

Lamentu

 

Quante domande, quanta angoscia per una mamma che non riesce ormai ad aiutare il figlio ad uscire dal tunnel! Dove ha sbagliato?

 

 

Picchì figghiùzzu rinunci alla tô vita?

Picchì ti cunnannàsti accussì prestu?             

Picchì abbannunàsti la partita?              

Picchì non voi canùsciri ‘u tô restu?

 

Fossi passàmmu supra a li tô vizzi

e tu criscisti malu e scilliràtu?

O fossi ti mancàru li carìzzi

e ti sintisti comu straniàtu?

 

Fossi ciccàvi spàziu e ti scanzàmmu,

senza pinzàri chi vulìvi cuntu?              

Fossi cchiù a nui chi a tia pinzàmmu,

e ‘i tô paròli s’i manciàva ‘u ventu?

 

O fossi non ti dèsimu abbastanza

e non avìsti quantu ti spittàva?

Oppùru fu distìnu, circustanza,

chi senza mi vulìvi ti pigghiàva?

 

Ma chiddu chi fu fu, ora non cunta,

e la tô vita si squàgghia chiànu chiànu;

vidu la morti chi s’avanza lenta,

e non rinèsciu a dàriti ‘na manu!

 


 

Lamento

 

 

Perché figlio mio rinunci alla tua vita?

Perché ti sei condannato così presto?

Perché hai abbandonato la partita della vita?

Perché rifiuti di conoscere ciò che ti riserva il tuo futuro?

 

Forse abbiamo sorvolato sui tuoi vizi,

lasciandoti crescere senza regole e scellerato?

Oppure ti son mancate le carezze,

e ti sei sentito estraniato?

 

Forse cercavi spazio e ti abbiamo respinto,

senza pensare che volevi essere ascoltato?

Forse più a noi che a te abbiamo pensato

e le tue parole se le divorava il vento?

 

O forse non ti abbiamo dato abbastanza,

e tu non hai avuto quanto ti spettava?

O forse fu destino, circostanza,

che senza che tu lo volessi si  impadroniva di te?

 

Ma qualunque cosa sia stata, ormai non conta più,

e la tua vita lentamente si consuma.

Vedo la morte che avanza lenta,

e non riesco a darti aiuto.

 

 

Walter  Ignazio Preitano

 

 

Sommario Altri Amici

 

www.colapisci.it