www.colapisci.itL'uomo che diventa pesce per necessità o per scelta

Astropecten irregularis   Pennant, 1777


Astropecten irregularis pentacanthus
(Isola della Maddalena, Sardegna, profondità 2 m)

Questa specie è diffusa sia in Oceano Atlantico che in Mediterraneo ma le varie popolazioni presentano delle differenze nelle placche marginali dorsali.
In particolare gli esemplari presenti
nel Mediterraneo hanno le placche marginali dorsali sprovviste di aculei (ritenute da alcuni studiosi come la sottospecie Astropecten irregularis pentacanthus) mentre in Atlantico ci sono popolazioni munite di un aculeo per ogni placca marginale dorsale (ritenute da alcuni studiosi come la sottospecie Astropecten irregularis irregularis) oppure con più di un aculeo (ritenute da alcuni studiosi come la sottospecie Astropecten irregularis serratus mentre secondo altri è solo una varietà di Astropecten irregularis irregularis).

Questa stella ha le placche marginali dorsali ben sviluppate, in rilievo, di colore bianco o roseo e, negli esemplari presenti in Mediterraneo, sono totalmente prive di aculei. Le placche marginali ventrali hanno degli aculei corti, esili, fitti, molto mobili che non vengono mai tenuti rigidi e paralleli fra loro come le altre specie, di colore bianco.
L’aspetto di questa stella si caratterizza per avere delle braccia che
formano fra loro, alla loro base dove si uniscono al disco, degli angoli molto netti.
Il colore del lato aborale è omogeneo e
in genere è rosa, giallo-brunastro o grigio, spesso con le estremità delle braccia violacee.
Dettaglio delle protuberanza al centro del disco talvolta presente in Astropecten irregularis pentacanthus (Isola della Maddalena, Sardegna, profondità 4 m, foto notturna)Talvolta al centro del disco sono presenti dei punti più scuri.
Questa specie
talvolta presenta una protuberanza, anche molto sviluppata, al centro del disco.
Ha dimensioni medie di 8-12 cm ed eccezionalmente può raggiungere i 19 cm.
E’ una specie molto diffusa in tutti i tipi di fondali mobili da 1 a circa 1.000 m di profondità.
In genere si può distinguere facilmente e con sicurezza dalle altre per non avere aculei nelle placche marginali dorsali.
Talvolta viene confusa con
Astropecten aranciacus per avere un colore simile, ma ad un’analisi più attenta degli aculei delle placche marginali dorsali e ventrali si possono sempre distinguere le due specie.


Placche marginali dorsali prive di aculei di A. irregularis pentacanthus
(Isola della Maddalena, Sardegna, profondità 4 m, foto notturna)
.

Astropecten aranciacus Astropecten jonstoni Astropecten irregularis Astropecten bispinosus Astropecten spinulosus Astropecten platyacanthus

Roberto Pillon

Bibliografia:

  • Tortonese Enrico (1965). Fauna d'Italia. Echinodermata.

  • Koehler Réné (1921). Faune de France. Echinodermes
    www.faunedefrance.org

  • Emil Edler Von Marenzeller (1875)., Revision adriatischer Seesterne -
    www.biologiezentrum.at

 

www.colapisci.it