www.colapisci.itL'uomo che diventa pesce per necessità o per sceltaLia Schiavo

Notte di natale

 

 

La festa

sta ancora rotolando altrove per gli angoli

di questa città frastornata

è nata, io credo, una voglia di silenzio

che ha il senso della neve

mai vista

 

Un silenzio

che  insiste a nascondere il sole

non è una buona soluzione

in questa mia città di navi all’ancora

 

Ma lo stesso, adesso, mi serve

per fingere una prova

allo specchio

di abiti soffici e caldi

 

Vere ali  di elfi sotto ampi cappotti

sono le mie spalle larghe

che mi evitano

contorti ragionamenti di date, di meteo strampalati

 

Hai voglia a dirti le bugie

la neve non c'è e non c'è quel freddo pungente

sferzante

eccitante

 

Non c'è  neve e non c'è pioggia che allaga

la strada diritta e alberata che porta al teatro stasera

ci andrò con le unghie laccate di geranio rosa

la gonna lunga dell'estate e una sciarpa autunnale

 

Che male ci sarebbe ad andarci domani

che forse natale verrà davvero

e cadrà la neve sul molo vasto

di navi all’ancora

che non andranno mai  troppo lontano

 

Non vado al teatro stasera

resto a sognare Amsterdam e i suoi canali innevati

 

E’ natale anche così

mi accontento

 

Dormendo, sognando.....

 

Lia Schiavo

 

Sommario Altri Amici

www.colapisci.it