Anna, la raccontastorie
 Lu Natali ti nna vota

Presepe a Poffabro


Ci si lu po’ scurda’
lu Natali ti tant’anni fa
quann’ermu tutti piccinni ‘nnucienti
e ti malizia ni sapemmu picca e nienti.

Lu Natali, a quiri tiempi ‘dà,
era nu tiempu ti felicità,
si faceva lu presepiu ‘ntra ogni casa
cu do’ cippuni farina e cartapesta,
na picuredda cu la jamma spizzata
cu tant’amore vineva riparata.

No si scittava niente, era piccatu
ci ‘nqualche pasturieddu era scittatu:
ci stava n’arulicchiu era ti pinu
pigghjatu alla pineta ti Ciminu
o a quera ti Faggianu, chju vicinu,
e l’erba fresca, di muschio già fioritu,
tuttu trapuntatu ti belle margherite.

Alla visciglia ti l’Ammaculata
totta la famiglia era mubilitata,
a ci ti tava na centra, a ci la colla a ci circava nu stuezzu ti spicchiettu
cu pareva veramente nu laghettu.

Cu tant’amore si faceva la capanna
cu San Giseppu, Gesù Cristu e la sua mamma,
e sobbra na strata ti farina ti cappellu,
li tre Re Maggi sobbra lu cammellu.

Pi li piccini era festa granne
girare ‘nturnu ‘nturnu allu mamminu,
e puru li vjecchi, cu li manti ‘ncueddu,
s’innammuravunu ti lu mamminieddu.


Do’ taradduzzi e quattru mandarini ‘nqualche mènnela e do’ fichi ‘ccucchiati
erunu cosi veramente prelibbati.
No ni stavunu, a quiri tiempi, panettoni
tantu reclamati alla televisioni.

Lu Natali ti nna vota era bellu veramente
sapeva cancia’ lu core ti la gente,
li granni, li piccinni e tutti quanti
ni sintemmu ‘ntra lu core ca ermu santi.

Iu pensu sempre, cu tanta nustalgia,
allu Natali ti l’infanzia mia,
li carni ni sintemmu rizzicari
ci vitemmu doi tre zampugnari
ca sunavunu cu tant’armunia
li pasturali ti la terra mia.

Mo vo’ circannu cu lu lanterninu
quiri pèttili sapuriti e quiru vinu,
quiri messi matinati e la novena
e quera chiesa ca era chjena chjena.

Ci stava fodda, stava Giuvanni lu sacristanu
ca ti ‘spittava cu la seggia ‘mmanu
però vuleva in cambiu deci liri,
ma no faceva nienti, almenu ti ‘ssittivi.

Mo stonu li ricali assai custusi
passa lu tiempu e passunu li usi,
sintiti a me, ci si lu po’ scurda’
lu Natali ti tant’anni fa!



Anna Marinellii
s. natale 1999
 


Il Natale di una volta

Presepe a Grado - 2003

Chi può dimenticare
il Natale di tanti anni fa
quando eravamo tutti bambini innocenti
e di malizia ne sapevamo poco o niente.

Il Natale , a quei tempi,
era un tempo di felicità,
si faceva il presepe in ogni casa
con due ceppi,farina e cartapesta,
una pecorella con la gamba spezzata
con tanto amore si riparava.

Non si buttava niente, era peccato
se qualche pastorello era buttato:
se c’era un ramo d’albero
era di pino raccolto nella pineta di Cimino
*
o in quella di Faggiano, che era più vicino.
e l’erba fresca di muschio fiorito
tutto trapuntato di belle margherite.

Alla vigilia dell’Immacolata
tutta la famiglia era mobilitata,
chi ti dava un chiodo, chi la colla,
chi cercava un pezzo di specchietto
che sembrasse veramente un bel laghetto.

Con tanto amore si faceva la capanna
con San Giuseppe, Gesù Cristo e la sua mamma.
e sopra una strada di farina di cappellu
**
i Re Magi sopra il cammello.

Per i piccoli era festa grande
girare intorno al Bambino
e pure i vecchi con le coperte addosso
si innamoravano del Bambinello.

Due tarallucci e qualche mandarino
qualche mandorla e due fichi accoppiati
erano cose veramente prelibate.
Non c’erano allora i panettoni,
tanto reclamizzati dalla televisione.

Il Natale di una volta era bello veramente,
sapeva cambiare il cuore della gente,
i grandi , i piccoli e tutti quanti
sentivamo nel cuore d’essere santi.

Io penso sempre con tanta nostalgia
al Natale dell’infanzia mia,
ci veniva la pelle d’oca
se sentivamo suonare due o tre zampognari le pastorali della nostra terra.

Ora vado cercando col lanternino
quelle frittelle saporite e quel vino,
quelle messe mattutine, e la novena,
e quella chiesa che era piena piena.

Se c’era folla, stava Giovanni il sagrestano
 che ti aspettava con la sedia in mano,
però voleva in cambio dieci lire, ma non faceva nulla,
 perché almeno potevi sederti.

Ora ci sono i regali molto costosi,
passano i tempi e passano gli usi,
sentite a me, chi se lo potrà mai dimenticare il Natale di tanti anni fa!

 

Anna Marinelli

*   località in periferia di Taranto
**
qualità di grano duro

Sommario Altri Amici

www.colapisci.it