www.colapisci.itL'uomo che diventa pesce per necessitÓ o per sceltaAltri Amici di Cola: Paolo, il lungo

Il giardiniere

Mosaico Stazione Marittima di Messina

Tu sei la nube della sera
che vaghi nel cielo dei miei sogni.
Sempre ti dipingo e ti modello
con i miei desideri d'amore.
Tu sei mia, soltanto mia,
abitatrice dei miei sogni infiniti!
I tuoi piedi sono rosso-rosati
per la fiamma del mio desiderio,
spigolatrice dei miei canti al tramonto!
Le tue labbra sono dolci-amare
del sapore del mio vino di dolore
Tu sei mia, soltanto mia,
abitatrice dei miei sogni tristi e solitari!
Con l'ombra della mia passione
ho oscurato i tuoi occhi
frequentatrice degli abissi del mio sguardo!
T'ho presa e ti stringo, amore mio,
nella rete della mia musica.
Tu sei mia, soltanto mia,
abitatrice dei miei sogni immortali!

 

Rabindranath Tagore
Il giardiniere
1913


Mosaico Stazione Marittima di Messina

You are the evening cloud

floating in the sky of my dreams.

I paint you and fashion you ever

with my love longings.

You are my own, my own,

Dweller in my endless dreams!

Your feet are rosy-red

with the glow of my heart's desire,

Gleaner of my sunset songs!

Your lips are bitter-sweet

with the taste of wine of pain.

You are my own, my own,

Dweller in my lonesome dreams!

With the shadow of my passion

have I darkened your eyes,

Haunter of the depth of my gaze!

I have caught you and wrapt you, my love,

in the net of my music.

You are my own, my own,

Dweller in my deathless dreams!

 

Rabindranath Tagore
The gardener
1913

 

www.colapisci.it